Napoletani insultati al tg Piemonte. Viale Mazzini non vuole pagare la multa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Clemente Pistilli

Hanno mandato in onda insulti razzisti, poi hanno chiesto scusa, ma quando è arrivato il momento di pagare la multa non hanno voluto sentire ragioni e hanno fatto ricorso. Il servizio trasmesso dal tgr Piemonte, il 20 aprile 2012, in occasione della partita di calcio Juventus-Napoli, è finito al Tar del Lazio, a cui ha fatto ricorso la Rai. Nel telegiornale finirono cori offensivi dei torinesi: “Oh Vesuvio lavali tu”. Poi lo scambio di battute tra un giornalista e alcuni tifosi della Juventus. “I napoletani sono ovunque, un po’ come i cinesi”, dissero i tifosi. E il giornalista: “Quindi li distinguete dalla puzza, con grande signorilità”. Dopo due giorni la Rai si scusò e l’autore delle interviste venne sospeso. “Un servizio inqualificabile”, sostennero la presidente Anna Maria Tarantola e il direttore generale Luigi Gubitosi. Per quel video l’Agcom, a maggio, ha condannato la Rai a pagare una sanzione da 50mila euro e a quel punto l’atteggiamento della società che gestisce la tv di Stato è cambiato. Per i vertici di viale Mazzini dell’accaduto è colpevole solo il giornalista che si è occupato del servizio. E il controllo che dovrebbe esercitare l’azienda? Per la Rai impossibile in quell’occasione, visti i tempi stretti con cui era stato approntato il tg. L’Authority non l’ha pensata così e ha fatto scattare la multa. La Rai spera così ora nel Tar, a cui ha chiesto di annullare la sanzione contestata.