Napolitano

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Gaetano Pedullà

Adesso se ne può anche andare. Giorgio Napolitano l’aveva promesso appena rieletto Presidente della Repubblica: sarebbe rimasto al Quirinale il tempo strettamente necessario perché il quadro politico si stabilizzasse. E che altro deve accadere perché diventi più stabilizzato (o normalizzato) di così? Il governo ce l’abbiamo, le riforme sono incardinate, Berlusconi tra breve sarà detenuto o affidato ai servizi sociali. Comunque la pensiate è finita un’epoca. Quello che non finisce è invece il regno di re Giorgio, un signore che non perde occasione per chiedere – gli altri – di dare spazio ai giovani e lui invece, ormai prossimo alla novantina, è entrato nel secondo anno del secondo mandato da Presidente. E pazienza che negli ultimi anni abbia stravolto la Costituzione imponendo due governi (Monti e Letta), pazienza che abbia dato l’incarico a Renzi sotto ricatto dei poteri forti (ricordate l’avvertimento con le anticipazioni del libro di Friedman sul Corriere della Sera?), pazienza per i dubbi mai chiariti sulla presunta trattativa tra Stato e mafia, e soprattutto pazienza che da Capo dello Stato non abbia fatto un solo gesto per pacificare un Paese diviso tra destra e sinistra peggio che ai tempi dei Guelfi e Ghibellini. Così oggi abbiamo milioni di elettori che – piaccia o no – con Berlusconi fuori gioco sono rimasti senza leader. Bel successo per un Presidente di tutti gli italiani. E abbiamo un governo che sta facendo delle cose anche buone, ma che imposto dall’alto (e non dalle urne) è talmente debole da rischiare di cadere domani su una riforma del Senato che vede contro metà dello stesso partito del premier. Presidente, bel capolavoro!