Negoziati Russia Ucraina, nessun passo avanti. Colloqui rinviati a domani. L’Onu stanzia altri 40 milioni di dollari per inviare cibo e medicinali a Kiev

Negoziati Russia Ucraina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Nessun passo avanti nei negoziati Russia Ucraina (leggi gli articoli). Sono terminati poco prima delle 15 di oggi i colloqui tra le delegazioni ucraine e russe in video-conferenza. I negoziati riprenderanno domani. “La pausa tecnica”, ha spiegato il consigliere del presidente ucraino Volodymyr Zelensky e negoziatore con Mosca, Mykhailo Podolyak, è stata decisa per svolgere “lavoro aggiuntivo nei sottogruppi di lavoro” e avere “chiarimenti delle singole definizioni. I negoziati continuano…”.

Negoziati Russia Ucraina, i colloqui riprenderanno domani

“Oggi è la nostra festa ucraina – ha detto Zelensky in un video sul suo canale Telegram -: il giorno del militare volontario. L’Ucraina per noi non è solo un territorio come lo è per gli occupanti che non lo capiscono. Per loro questo è solo un obiettivo. L’Ucraina per noi rappresenta un milione di momenti felici, di simboli, di luoghi di ricordo”.

“L’Ucraina – ha aggiunto il presidente ucraina – è la nostra vita per questo milioni di persone oggi difendono lo Stato. Per questo oggi noi siamo tutti militari volontari che difendono l’Ucraina, i nostri figli, il nostro futuro”.

Zelensky: “La Russia continua a distruggere le nostre infrastrutture e le nostre città”

“La Russia continua a distruggere le nostre infrastrutture e le nostre città – ha detto ancora Zelensky -, ma vi assicuro che ricostruiremo ogni strada, ogni casa, ogni appartamento di ogni ucraino. Ora che l’occupante è ancora sulla nostra terra, dobbiamo colpirlo meglio che possiamo per proteggere le città, i villaggi e ogni metro della nostra terra. Aiutatevi a vicenda, sostenetevi a vicenda. L’adesione numerosa delle persone alla difesa territoriale sono un altro segno del fatto che noi vinceremo Insieme vinceremo”.

L’Onu stanzia altri 40 milioni di dollari per fornire all’Ucraina beni di prima necessità

“L’Ucraina è in fiamme e viene decimata davanti agli occhi del mondo. Questa tragedia deve finire. Abbiamo bisogno di una cessazione immediata delle ostilità e di seri negoziati basati sui principi dello Statuto delle Nazioni Unite e del diritto internazionale” ha scritto su Twitter il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres (nella foto), annunciato uno stanziamento di altri 40 milioni di dollari per aumentare gli aiuti umanitari in Ucraina.

Guterres ha spiegato che i fondi aiuteranno a portare nel paese scorte essenziali di cibo, acqua, medicinali e altre forniture vitali, oltre a fornire assistenza in denaro a chi ne ha bisogno e ha avvertito che un’ulteriore escalation del conflitto in Ucraina – accidentale o deliberata – minaccia “tutta l’umanità”.

Descrivendo il recente innalzamento del livello di allerta da parte della Russia per le sue forze nucleari come uno “sviluppo agghiacciante”, il segretario generale dell’Onu ha aggiunto che la prospettiva di un conflitto nucleare – una volta considerata “impensabile” – è tornata nel regno delle possibilità. Guterres ha chiesto anche “una cessazione immediata delle ostilità” e “seri negoziati basati sui principi della Carta delle Nazioni Unite e del diritto internazionale”.