Nessuno sconto all’Ilva. “Un danno ambientale da 1,8 miliardi”. E la Procura di Taranto rifiuta il patteggiamento

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Patteggiamento respinto per l’Ilva di Taranto. La richiesta è stata ritenuta non congrua dalla procura: pochi i dieci milioni di euro indicati dall’Ilva in amministrazione straordinaria a titolo di risarcimento, a fronte di un piano ambientale che richiede risorse stimabili in circa due miliardi di euro. L’azienda aveva proposto anche una sanzione pecuniaria di quasi 3 milioni e 100mila euro e la non applicazione dell’interdizione dell’attività con la nomina di un custode giudiziale. Secondo i pubblici ministeri “non è indicato il profitto del reato dell’associazione a delinquere” e “non è possibile la parcellizzazione dei costi’’. L’Ilva ha tratto profitto dall’attività siderurgica proprio mentre le emissioni, secondo i periti, determinavano il disastro ambientale.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA