Nibali ora accarezza il sogno

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

Nel centenario della nascita di Gino Bartali lo squalo mette a segno un altro colpo. Vincenzo Nibali ha stradominato anche le Alpi, mettendo a segno la terza vittoria di tappa nella Grande Boucle 2014. Lo sprint a 7 km dal traguardo, quando Nibali ha ingranato la sesta staccando nettamente gli avversarei Valverde e Pinot. Per la maglia gialla la vittoria nel Tour de France ora è davvero a un passo.

“Sono molto contento perché oggi il mio scopo era di guadagnare più secondi possibile su Porte e Valverde – ha detto Nibali dopo la vittoria- Porte si è statccato subito, Valverde era lì. Oggi è stato un caldo incredibile. Sembrava di essere a Palermo o a Messina: mancava solo il venticello. Oggi è stata una bella vittoria”. La vittoria arriva il 19esimo anniversario della morte di Fabio Casartelli: “Quando è morto Casartelli ero molto piccolo, aver vinto nel giorno dell’anniversario è speciale”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA