No Tav all’assalto del vertice tra Letta e Hollande. Ma la Torino-Lione resta una priorità. Ancora scontri a Roma

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

 

Ancora scontri a Roma. Questa volta a Campo dei Fiori. Insieme ai manifestanti No Tav anche i comitati per il diritto alla casa. Incidenti tra manifestanti e le forze dell’ordine sono avvenuti nei pressi della sede nazionale del Pd in via Sant’Andrea delle Fratte. Protesta che arriva nel giorno del vertice italo francese con Letta e Hollande a Roma. Le forze dell’ordine hanno blindato l’ambasciata francese di palazzo Farnese chiudendo tutte le vie d’accesso. Ma dal vertice il coro unanime italo-francese: “La Torino-Lione resta una priorità”.

I dimostranti, una settantina circa, hanno lanciato una bomba-carta nella piazzetta all’incrocio tra via di Propaganda e via della Mercede, riferiscono fonti dal Pd, ma non sono riusciti ad avvicinarsi alla sede del partito. Alcuni manifestanti, la maggior parte a volto coperto e con i caschi, ha cercato ripetutamente di forzare il “blocco” per far partire il corteo ma sono stati respinti. Sono stati lanciati petardi, bombe carta e bottiglie. Alcuni dei manifestanti lamentano di “essere stati feriti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA