Olgiati (M5S): “La Lega dia prova di trasparenza. Riferire in Parlamento è il modo migliore per eliminare qualsiasi dubbio”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Per un leader di partito, riferire in Parlamento sull’operato della forza politica di cui è a capo è la normalità, soprattutto in relazione alla funzione di rappresentanza dei cittadini esercitata dalle Camere. Se poi si presentano esigenze particolari e specifiche vicende, diventa un dovere”. Parola di Riccardo Olgiati deputato M5S.

Vi aspettate che Salvini lo faccia?
“Ci aspettiamo che il ministro Salvini raccolga l’invito del Parlamento: è il modo migliore per eliminare qualsiasi dubbio e confrontarsi su fatti d’interesse per tutto il Paese”.

Anche alla luce del chiarimento di Conte sulla presenza di Savoini alla cena in onore di Putin offerta dal premier, è credibile che Salvini potesse non sapere?
“Le precisazioni del presidente Conte sono state un atto dovuto da parte di Palazzo Chigi. Detto questo, non sta certo a noi avanzare delle ipotesi su ciò che il ministro Salvini sapeva o non sapeva. Il punto su cui insistiamo è la trasparenza assoluta nella gestione di partiti e movimenti. Per il resto, ribadisco che se ci sono gravi sospetti o fatti che possono mettere in cattiva luce il Governo, è opportuno agire subito per eliminare le zone grigie dal punto di vista politico. Anche prima che si arrivi a parlare di responsabilità di altro tipo, che solo la magistratura può chiarire”.

Ok dei 5 Stelle a una commissione d’inchiesta sui finanziamenti a tutti i partiti. A quale scopo?
“Istituirla è fondamentale: dobbiamo rendere completamente trasparenti i flussi di denaro verso le forze politiche e permettere ai cittadini di sapere realmente chi votano. Questo è un tema che coinvolge tutti i partiti. Un principio sul quale noi non abbiamo mai derogato è l’indipendenza della nostra azione: gli unici a cui rendiamo conto sono i cittadini. Abbiamo già agito grazie allo Spazzacorrotti per rendere pubbliche tutte le donazioni e dare un segnale chiaro che non sono ammessi legami occulti. Vale già da tempo per il MoVimento 5 Stelle e deve valere per tutti i partiti”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA