Ora hanno paura. I picchiatori di Colleferro in carcere per la morte di Willy chiedono di rimanere in isolamento. Temono ritorsioni da parte di altri detenuti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

I fratelli Marco e Gabriele Bianchi e il loro amico Mario Pincarelli, arrestati per l’omicidio di Willy Monteiro Duarte, avvenuto nella notte tra sabato 5 e domenica 6 settembre, a Colleferro, hanno chiesto di essere trasferiti nel reparto protetto del carcere di Rebibbia. I legali di tre dei quattro indagati per la morte del 21enne, accusati di omicidio volontario, hanno chiesto che al termine dei giorni di quarantena, e dunque di isolamento, possano ottenere un regime di protezione all’interno del carcere romano, per paura di ritorsioni da parte degli altri detenuti. Nei giorni scorsi, infatti, erano arrivate minacce di morte, anche via social o attraverso telefonate minatorie, sia ai parenti degli arrestati, sia ai loro difensori.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Lega & soci altamente inquinanti

Mentre in Germania per la prima volta i Verdi superano nei sondaggi i conservatori della Merkel, in Italia una destra rimasta all’uomo di Neanderthal fa disperatamente opposizione per non inserire la difesa dell’ambiente nella Costituzione. La proposta sostenuta fortemente dai 5 Stelle è stata sotterrata

Continua »
TV E MEDIA