Ospiti del Biscione, che pacchia. Mediaset paga bene, la Rai così e così, La7 è gratis. Bottino ricco per l’opinionista Amendola al Gf

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Fare l’ospite in tv di professione può convenire, anche economicamente. Certo, non si guadagna quanto Mastrota, il re delle televendite (850mila l’anno). Tuttavia a fine mese si può portare a casa un bel gruzzolo. Una premessa però va subito fatta: non tutte le trasmissioni pagano. E non tutti gli ospiti che vi partecipano percepiscono il gettone di presenza. Anzi la maggior parte ci va gratis. Soprattutto politici e giornalisti.
I cachet più elevati sono quelli di alcuni programmi di Mediaset. A cominciare dal Grande Fratello. Opinionisti come Claudio Amendola sono super pagati (oltre 20mila euro a puntata), ma anche Luxuria si porta a casa qualche soldino (5mila ad apparizione). Altri ospiti molto gettonati sono Giampiero Mughini e Alba Parietti. Il loro target oscilla tra i 1500 e i 2000 euro a presenza. A Tiki Taka Melissa Satta è quotata quanto l’opinionista di fede juventina. Gli altri non percepiscono soldi. Compreso Cruciani. Un gettone una tantum, nulla più. Se il conduttore della Zanzara dovesse andare a Ballando la musica cambierebbe. Al Processo del lunedì l’ingaggio più alto era della Maionchi, ma ora non c’è più. Resta bene in quota Andrea Scanzi che viaggia tra i 1000 e i 1500 a puntata.
Anche a Mattino 5 si va da un minimo di 500 euro a un massimo di 1500-2000. La Rai se paga il cachet non rimborsa le spese e viceversa. Le tariffe sono più basse, si va dalle 250 alle 500 a puntata. Escluse ovviamente trasmissioni in cui si fa il giudice, tipo Ballando e Tale e Quale. Per Lippi, Goggi, Proietti e Zazzaroni la quota sale un po’. A La7 invece i cachet li trovi solo in farmacia. Omnibus, La Gabbia, Coffee Break e l’Aria che tira non danno il gettone di presenza. Al massimo pagano il taxi. Discorso diverso per Otto e mezzo. La Gruber ha i suoi opinionisti prescelti a cui sottopone un contratto a inizio stagione. Travaglio, Cacciari e Damilano sono tra i più presenti. Ma si vede spesso pure Scanzi. Ovviamente si tratta di cifre lorde, da cui vanno detratte le tasse e la percentuale per l’agente.