Pansa guida la fuga da Libero. La svolta feltriana a sostegno del referendum scatena un fuggi fuggi di giornalisti. Belpietro pronto ad accoglierli nel suo nuovo giornale

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Maurizio Belpietro lancerà  un nuovo quotidiano, probabilmente entro la fine di settembre. Dietro il progetto dovrebbe esserci l’imprenditore veneto Fabio Franceschi. Si tratta del presidente e amministratore unico di Grafica Veneta, 200 milioni di fatturato con la stampa di numerosi best seller. Il giornale punterà a un pubblico moderato e del centrodestra. E Belpietro ha già cominciato la campagna acquisti proprio in casa del suo ex giornale Libero come rivelato oggi in un articolo sul Fatto Quotidiano. In arrivo ci sarebbe l’editorialista Giampaolo Pansa in rotta con Vittorio Feltri e la proprietà degli Angelucci per aver sposato la linea Renzi sul referendum costituzionale. Sempre da Libero Belpietro potrebbe portarsi dietro il vicedirettore Massimo De’ Manzoni che lunedì ha rassegnato le dimissioni. La sterzata che ha portato Feltri al posto di Belpietro non è stata così indolore come poteva sembrare inizialmente. E ora si è passati alla raccolta dei cocci. Parecchi visto che in via d’uscita, infine, ci sarebbe pure il giornalista d’inchiesta Giacomo Amadori. Tutti pronti a passare con Belpietro per gridare “No” al referendum costituzionale. Come fatto anche dall’ex direttore nel uso ultimo pezzo scritto per Libero.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica finita nel cesso

Passando al cesso più tempo della media – tra una foto ricordo e l’altra – a Sgarbi dev’essergli caduto dentro il cervello. Non può spiegarsi diversamente lo stupore che l’ha colto quando ieri migliaia di persone l’hanno sommerso di insulti per le volgarità gratuite che

Continua »
TV E MEDIA