Papa Francesco spinge lo Ius soli. Salvini a muso duro: “Se volete la legge applicatela in Vaticano”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Papa Francesco prende una posizione netta sullo Ius soli e sullo Ius culturae invitando il Parlamento ad accelerare sulla legge. Il messaggio è quello che verrà letto il prossimo 14 gennaio in occasione della Giornata del Migrante 2018: “Nel rispetto del diritto universale ad una nazionalità, questa va riconosciuta e opportunamente certificata a tutti i bambini e le bambine al momento della nascita. La apolidia in cui talvolta vengono a trovarsi migranti e rifugiati”, sostiene il Papa, “può essere facilmente evitata attraverso una legislazione sulla cittadinanza conforme ai principi fondamentali del diritto internazionale”.

Quello di Bergolgio è un vero e proprio invito visto che usa parole ancora più nette sottolineando il suo pensiero: “Occorre rispondere alle numerose sfide poste dalle migrazioni contemporanee con generosità, alacrità, saggezza e lungimiranza, ciascuno secondo le proprie possibilità”.

Il Papa afferma che “ogni forestiero che bussa alla nostra porta è un’occasione di incontro con Gesù Cristo, il quale si identifica con lo straniero accolto o rifiutato di ogni epoca”. Di qui il messaggio chiave che verrà lanciato con più forza ancora in occasione della Giornata mondiale del Migrante e del Rifgiato 2018: “Accogliere, proteggere, pro:muovere e integrare i migranti e i rifugiati”.

Parole che hanno scatenato immediata la replica dura del leader del Carroccio, Matteo Salvini, via Facebook: “Se vuole applicare lo Ius soli nel suo Stato, il Vaticano, faccia pure. Ma da cattolico non penso che l’Italia possa accogliere e mantenere tutto il mondo. A Dio quel che è di Dio, a Cesare quel che è di Cesare. Amen. #stopinvasione”.

Più pacata nella forma la posizione del leghista Roberto Calderoli, ma la sostanza non cambia: “Sbaglia il Santo Padre a invocare l’introduzione nel nostro ordinamento dello ius soli e dello ius culturae che regalerebbe la cittadinanza italiana a oltre due milioni di immigrati che, peraltro, non la richiedono neppure. Sbaglia”, continua Calderoli, “a invocare la cittadinanza per tutte queste persone che ancora devono dimostrare di volersi integrare, adeguandosi a quelle che sono le nostre leggi e al nostro modo di vivere. L’Italia è lo Stato che concede più cittadinanze in Europa, oltre 200mila l’anno: non c’è nessuna ragione per regalare di colpo due milioni di nuove cittadinanze. A differenza della Città del Vaticano dove la concessione della cittadinanza avviene raramente e solo in casi eccezionali”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA