Patrick Loyola, chi era l’afroamericano ucciso dalla polizia in Michigan con un colpo di pistola alla nuca

Patrick Loyola, chi era l’afroamericano di 26 anni ucciso dalla polizia in Michigan con un colpo di pistola alla nuca.

Patrick Loyola, chi era l’afroamericano di 26 anni ucciso dalla polizia in Michigan con un colpo di pistola alla nuca.

Patrick Loyola, chi era l’afroamericano ucciso dalla polizia in Michigan con un colpo di pistola alla nuca

Patrick Loyola, chi era l’afroamericano ucciso dalla polizia in Michigan

Nella giornata di lunedì 4 aprile, il 26enne Patrick Loyola è stato fermato da un agente del dipartimento di Grand Rapids in Michigan per un controllo stradale. Il controllo, poi, è dapprima degenerato in una colluttazione nel momento in cui l’agente ha estratto un teaser e successivamente nell’uccisione del giovane afroamericano.

Il video dell’accaduto è stato diffuso pubblicamente dalla polizia del Michigan nella giornata di mercoledì 13 aprile.

A quanto si apprende, Loyola si trovava negli Stati Uniti d’America dal 2014. Negli Stati Uniti, era arrivato dal Congoinsieme ai suoi genitori, ai suoi cinque fratelli e a due figlie. Ogni mentre della famiglia era giunto nel Paese con lo status di rifugiato.

In seguito alla diffusione del drammatico video che mostra l’uccisione del giovane, il padre della vittima ha rivelato di essere rimasto “gelato” nel vedere suo figlio “sdraiato a terra con un agente sopra di lui che ha tirato fuori la pistola e gli ha sparato alla testa”. La famiglia, inoltre, ha descritto la morte di Loyola come “un’esecuzione”.

Afroamericano morto per un colpo di pistola alla nuca: era un rifugiato congolese

In merito all’accaduto, si è espresso l’avvocato che si è occupato del caso George Floyd, Benjamin Crump, che ha dichiarato: “Ancora una volta ci viene ricordato quanto velocemente l’interazione con la polizia può rivelarsi fatale per un afroamericano negli Stati Uniti. Il video mostra chiaramente che c’è stato un uso della forza non necessario, eccessivo e fatale contro un uomo di colore disarmato che era confuso e terrorizzato per la sua vita”.

Crump, inoltre, ha postato sul suo account Twitter una foto di Patrick Loyola, scrivendo: “Questo è Patrick Loyola, un rifugiato congolese di 26 anni che è stato colpito alla nuca da un agente di polizia di Grand Rapids (MI) durante un controllo stradale di routine”.

La governatrice del Michigan, Gretchen Whitmer ha ribadito che Loyola era arrivato negli Stati Uniti con i genitori, due figlie e cinque fratelli dal Congo nel 2014 come rifugiato e ha asserito: “È stata una tragedia. Aveva tutta la vita davanti a sé”.

Seguici su Facebook, Instagram e Telegram