Pedofilia, mea culpa del Vaticano. Papa Francesco ammette: “La Chiesa l’ha affrontata in ritardo”. E nessuna grazia per i colpevoli degli abusi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Papa Francesco torna a tuonare contro la pedofilia e ad evidenziare anche le colpe della Chiesa che, a detta di Bergoglio, avrebbe sottovalutato il problema intervenendo in forte ritardo. “Lo scandalo dell’abuso sessuale è una rovina terribile per tutta l’umanità, che colpisce tanti bambini, giovani e adulti vulnerabili in tutti i paesi e in tutte le società. Per la Chiesa è stata un’esperienza molto dolorosa”, ha sottolineato il Papa alla Pontificia Commissione per la protezione dei minori, “Sentiamo vergogna per gli abusi commessi da ministri consacrati, che dovrebbero essere i più degni di fiducia”.

Dinanzi alla Commissione tutela dei minori il Papa si è detto ancora addolorato sulla pedofilia: “L’abuso sessuale è un peccato orribile, completamente opposto e in contraddizione con quanto Cristo e la Chiesa ci insegnano. La Chiesa ha affrontato questi crimini in ritardo e anche un solo abuso basta a condanna senza appello”.

Un abuso sui minori è ritenuto talmente grave da parte del Vaticano tale secondo Bergoglio da escludere anche il perdono di fronte alla certezza del reato. “Un abuso sui minori, provato, è sufficiente per non ricevere il ricorso. Se ci sono le prove la pena è definitiva”, ha affermato il Papa, “Non per un’avversione: la persona che fa questo, uomo o donna, è malata. Si tratta di una malattia e oggi lui si pente ma poi dopo due anni ricade. Dobbiamo metterci in testa che è una malattia”.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA