Ormai nemmeno le conigliette su carta patinata non tirano più come una volta. Perfino Penthouse va in bancarotta. La rivista s’inchina al porno gratuito sul web

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il porno gratuito sul web sconfigge l’erotismo a pagamento su carta patinata. E così FriendFinder Network, l’editore che pubblica il magazine Penthouse e che detiene anche alcuni siti di dating online, chiede la bancarotta assistita dopo sette anni consecutivi di perdite. Basti pensare che nei soli primi sei mesi del 2013 la società ha presentato perdite per ben 20,7 milioni di dollari. Un declino, quello della rivista, accelerato dalla morte dell’italo americano Bob Guccione, il fondatore di Penthouse scomparso nel 2010. L’intesa, ha spiegato l’amministratore delegato Anthony Previte ai media americani, “consentirà a FriendFinder di rifinanziare il debito a lungo termine e di posizionare alcuni dei nostri marchi più forti sul mercato per la crescita futura”. Partita ancora aperta quindi. Ma per ora YouPorn batte le conigliette di Playboy 1 a 0.