Per Nibali il Giro d’Italia inizia in salita: Dumoulin vola nella prima tappa, è maglia rosa. Ora tocca ai velocisti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il Giro d’Italia 2016 inizia con il botto: l’olandese Tom Domoulin, uno dei favoriti alla vittoria finale, ha subito conquistato la maglia rosa vincendo la cronometro di 9 km ad Alpedoorn. Tuttavia, il primato in classifica generale è arrivato per pochi centesimi: una beffa per lo sloveno Primoz Roglic. Molto bene è andato il costaricano Andrei Amador, che ha chiuso a soli 6 secondi dal vincitore. Vincenzo Nibali si è piazzato al 16° posto con un distacco di 19″ da Domoulin. Una buona prestazione per il campione italiano, ma in vista della cronometro più lunga a Chianti è un elemento preoccupante: l’olandese è in grande forma.

Fabian Cancellara non è riuscito nell’impresa di strappare la prima maglia rosa della sua carriera: il virus, che lo ha colpito, si è fatto sentire. Lo svizzero è arrivato 14″ dietro il vincitore. Moreno Moser è stato il primo degli italiani: si è classificato sesto a 12″.

Lo spagnolo Alejandro Valverde ha perso solo 5″ dallo Squalo, dimostrando una buona tenuta. Il colombiano Esteban Chaves si è difeso bene, finendo a 30″. Il basco Mikel Landa  ha pagato già dazio alla prova contro il tempo: il ritardo dalla maglia rosa è già di 40″. Ha faticato molto anche il polacco Rafal Majka, a 38″.

Altimetria della 2a tappa, Kittel favorito
La 2a tappa Arnhem-Nijmegen, di 190 km, è perfetta per i velocisti: sul percorso c’è solo un Gran premio della Montagna messo per assegnare la prima maglia azzurra. La frazione vede il tedesco Marcel Kittel come grande favorito: il suo connazionale André Greipel è il primo avversario. Possibili outsider sono il francese Arnaud Demare, e gli italiani Elia Viviani e Giacomo Nizzolo. Occhio anche ai giovani Jakub Mareczko e Caleb Ewan.

2 tappa Giro d'Italia
2 tappa Giro d’Italia
L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA