Per salvare Fazio da Bonolis, la Rai non bada a spese e Rischiatutto. Ecco le cifre da urlo per l’ingaggio di Fiorello

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Buona la prima per il Rischiatutto vintage di Fabio Fazio. Sette milioni e mezzo di media per uno share superiore al 30% va considerato un grande risultato. Ma è sulla puntata del venerdì che si è giocata la vera partita. Fin da quando è stata concepita. Il primo giorno – rigorosamente di giovedì – è stato un tripudio al mito di Mike e del suo format capolavoro. Sulla seconda serata, di venerdì (questa sera), Fazio ha puntato subito i piedi. Il rischio di un calo di ascolti è stato subito messo in preventivo dal conduttore. È scattato l’allarme rosso e Fazio ha preteso un ospite che da solo facesse da calamita per lo share. Che incollasse i telespettatori davanti al video. Anche perché su Canale 5 in onda c’è un certo signore, Paolo Bonolis, che con il suo Ciao Darwin ha già asfaltato le bravissime Laura Pausini e Paola Cortellesi. E quale ospite è in grado di fare ascolti da solo e battere Bonolis? Fiorello, c’est plus facile. Ma il bravo Rosario non fa nulla senza un cachet degno. Non a caso manca dalla Rai da 5 anni. Giustamente, visto che se lo può permettere. E quindi se lo volete come ospite dovete sborsare i soldoni. Chiaro no? Un conto è fare un salutino allo show Laura e Paola, prodotto dall’amico Bibi Ballandi, a cui non si può dire di no, un’altra cosa è condurre il Rischiatutto assieme a Fazio per non farlo umiliare da Bonolis.

IL COMPENSO – Ma a quanto ammonta il cachet di Fiorello per questa serata? La cifra in questione si aggirerebbe tra i 130 e i 150mila euro di ingaggio. Probabilmente nella trattativa c’è entrato pure lo sponsor per cui Fiorello è testimonial. el resto la nuova Rai si gioca molta credibilità per queste due prime serate pilota del Rischiatutto. A ottobre su Raitre sarà tutt’altra musica e lo share non darà certo il fiato alle trombe di questo antipasto primaverile sulla rete ammiraglia. Fiorello era molto legato a Mike Bongiorno e quindi è stato ben felice di accettare la proposta. Tuttavia se non ci fosse stato l’elevato compenso avrebbe declinato l’invito. Magari dicendo che proprio perché si sente molto legato a Mike preferisce non sbiadire il ricordo inquinandone la scena.

LA RIVALITÀ – Fiorello e Bonolis sono due grandissimi. Dei super one man show. Trascinatori di pubblico e risate. Tuttavia tra loro non è mancata qualche frecciatina. Come quella scagliata da Bonolis in un‘intervista a Sabelli Fioretti datata 2005.  In una domanda su chi buttare dalla torre tra Baudo e Fiorello, il conduttore di Ciao Darwin lo dice chiaro e tondo: “Butto Fiorello. Perché quando lui mi chiama alle sue trasmissioni io ci vado volentieri. Poi gli chiedo di fare qualcosa con me e mi dice sempre di no. Con me è sempre poco generoso”. Ma in tutto l’ambiente dello spettacolo si sa bene cosa faccia diventare generoso Fiorello. Del resto come si fa a dargli torto?

Tw: @Marcocastoro1