Per Salvini ogni occasione è buona per fare campagna elettorale. Anche il Coronavirus. “Verificare ogni ingresso e sospendere Schengen”. Orlando (Pd): “Chi specula è un poveraccio”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Come Lega contiamo che il governo verifichi ogni ingresso, per mare, per terra, per aria perché con la salute dei cittadini non si scherza”. E’ quanto ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini, commentando parlando del Coronavirus, questione su cui, secondo il Capitano, “si è perso tempo”. “Il virus è in tutti i continenti – ha detto ancora – ed è chiaro quindi che ogni arrivo in Italia debba essere controllato, limitato e verificato”.

“Davanti ad una diffusione così imprevedibile e pericolosa del Coronavirus – gli fa eco il deputato Lega e presidente del Comitato Bicamerale Schengen, Eugenio Zoffili – le istituzioni devono essere pronte a mettere in campo ogni misura, compresa la sospensione del trattato di Schengen, per adottare adeguate misure di controllo alle frontiere. E’ il momento di intensificare gli sforzi e coordinare le azioni di tutte le istituzioni preposte. Per questo ho chiesto di poter anticipare ancora prima l’audizione del ministro della Sanità, Roberto Speranza, presso il Comitato Bicamerale Schengen, già prevista per il prossimo 11 febbraio alle ore 14:30. Non possiamo abbassare la guardia né sottovalutare i rischi”.

“Uno che si mette a speculare politicamente sul coronavirus è un poveraccio” ha commentato il vicesegretario del Pd Andrea Orlando.