Per Santoro c’è un futuro da Verissimo. Tra pettegolezzi e salotti. Dalla politica l’anchorman fa una trasmissione gossip intervistando la Bonev e finendo contestato dagli ospiti Belpietro e Cacciari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Michele Santoro non può fare a meno di Silvio Berlusconi. Quando e se il Cavaliere uscirà dalla scena l’anchorman entrerà in una profonda depressione. Venendogli a meno le storie e le vicende di Arcore. La puntata di stasera di Servizio pubblico è da considerarsi una clamorosa autorete per Santoro. Ha ospitato la Bonev per parlare della Pascale, la fidanzata di Silvio. Maurizio Belpietro, ospite della trasmissione, è rimasto impressionato dalla scelta degli argomenti, dicendo a Santoro di essere passato dai pentiti di mafia alle pentite di mutande. “Che volete che mi metto a parlare se la Pascale è lesbica oppure no. Ma che mi frega?”, ha detto il direttore di Libero. Anche un altro ospite Massimo Cacciari ha urlato in diretta: “non ne posso più di parlare dei problemi di Berlusconi”. E il pubblico ha applaudito.