Per avere Sorgi alla radio

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Tirare avanti ma guardandosi sempre le spalle. Più che una filosofia di vita è l’attuale strategia di Luigi Gubitosi a Viale Mazzini. Il dg della Rai, infatti, sta pensando intensamente a come cambiare il direttore di Radio1 e del Giornale radio senza causare spaccature all’interno del cda e dare vita alle conseguenti polemiche che accenderebbero di nuovo i riflettori sulla tv di Stato e darebbero linfa ai renziani per chiedere la sostituzione di Gubitosi. Avendo già a portata di mano tre carte da giocarsi in partita: Enrico Mentana, Antonio Campo Dall’Orto e il ticket Paolo Del Brocco-Luigi De Siervo. Quest’ultimo, oltre a conservare la direzione commerciale, erediterebbe dal primo la carica di a.d. di RaiCinema. Tre renziani doc e tutti della prim’ora.
Per quanto riguarda la soluzione di Radio 1 e Giornale radio, Gubitosi deve decidere se portare in cda la candidatura dell’interno Flavio Mucciante, attuale direttore di Radio 2 o l’esterno Marcello Sorgi. Il primo parte favorito perché otterrebbe più voti dei consiglieri rispetto all’ex direttore della Stampa. Quest’ultimo rischia perfino di non passare o di riuscirci con una maggioranza risicata. Soluzione non gradita alle larghe intese. L’escamotage potrebbe essere il ticket Sorgi direttore con l’attuale vice di Preziosi, Paolo Corsini, promosso condirettore con i voti anche del centrodestra (con l’eccezione forse di Rodolfo De Laurentiis che appoggia la candidatura di Mucciante.

A Preziosi hanno già tolto pure la sedia
È rimasto sbigottito il direttore di Radio1 e del Giornale radio quando si è presentato al convegno Rai sulle donne organizzato dal presidente Anna Maria Tarantola e non ha trovato il suo nome sulle sedie prenotate per i direttori. È stato invitato a sedersi nelle file successive in ordine sparso.

Esclapon l’anti-iella
Lunedì scorso al pranzo con i direttori Rai, il presidente Tarantola non appena si è accorta che i posti a tavola erano 13 ha subito chiamato Costanza Esclapon per arrivare a 14. Chissà come si sarà sentita il direttore della comunicazione e delle relazioni esterne nel ruolo di anti-iella.

Don Matteo campione di ascolti

La fiction con protagonista Terence Hill nelle vesti di Don Matteo, serie giunta alla nona edizione, continua a fare il pieno di telespettatori. Il primo episodio è stato visto da 7 milioni 856 mila spettatori (27,36% di share) e il secondo 7 milioni 195 mila (29,76%).