Pirateria, la Polizia blocca una piattaforma web che diffondeva illegalmente i programmi delle pay tv. Circa 5 milioni di utenti solo in Italia. Oltre 2 milioni al mese il volume d’affari

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La Polizia di Stato ha compiuto all’alba di oggi una vasta operazione internazionale denominata “Eclissi”, coordinata dalla Procura di Roma e, a livello internazionale, dalle Agenzie europee Eurojust ed Europol. L’indagine mira a smantellare ed oscurare il fenomeno delle cosiddette “IPTV”, sistema che, convertendo il segnale analogico della paytv, lo trasforma illegalmente in segnale web-digitale. L’attività ha visto la cooperazione delle Polizie e delle Autorità giudiziarie anche di Francia, Paesi Bassi, Germania, Bulgaria e Grecia, impegnate contestualmente in tutta Europa a supporto degli uomini della Polizia Postale. Un’indagine tecnico informatica estremamente accurata sulla diffusione dei segnali in streaming effettuato dal Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni che ha consentito di individuare le sorgenti estere dalle quali parte il segnale “pirata”. Significativi i numeri complessivi relativi sia alle persone coinvolte, circa 5 milioni di utenti solo in Italia, sia per il volume di affari stimato di oltre 2 milioni di euro al mese.