Più su di Silvio c’è solo Madonna. Berlusconi torna in tv e gli ascolti di Fazio crescono. Meglio di lui la popstar. Stasera il Cav da Vespa

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

L’entusiasmo è tornato. Silvio Berlusconi ha superato il suo momento no che l’ha fatto sembrare triste e depresso. La voglia matta di tornare protagonista in video gli ha ridato la carica. Dopo essere andato in “trasferta” su Raitre da Fabio Fazio, eccolo di nuovo in video stasera, davanti alle telecamere amiche di Bruno Vespa. A motivarlo ancora di più sono i dati di ascolto ottenuti da Che tempo che fa, visto da 3 milioni 268 mila spettatori e il 13,2% di share, uno dei migliori risultati della stagione, in crescita rispetto alla scorsa settimana di oltre due punti di share e di quasi 600.000 spettatori, secondo solo alla puntata che ha ospitato Madonna (14%).

IL PAPOCCHIO
Striscia la Notizia ha annunciato ai quattro venti che non ha potuto mandare in onda un filmato perché censurato dall’Agcom. Una rappresentazione satirica dei principali leader politici italiani visti come supereroi dei fumetti, Alfano nei panni di Mr. Fantastic, Renzi con il corpo de La Cosa e Berlusconi con il mantello del Cavaliere Mascarato. Ma a sorpresa pochi minuti dopo la denuncia di Striscia, l’Agcom ha fatto sapere di non aver fatto nessun intervento. A quel punto il tg satirico ha detto che a comunicare la presunta decisione dell’Agcom è stata l’organizzazione del premio regia televisiva, il programma di Raiuno. Sul giallo è intervenuta anche Viale Mazzini: «Non si capisce la polemica visto che la legge sulla par condicio vieta a noi come a tutti gli altri broadcaster nel nostro Paese la presenza diretta o indiretta in qualsiasi forma della politica e dei politici in trasmissioni di intrattenimento».

RAI, CDA SCADUTO
Renzi non molla l’osso. «Bisognerebbe fare la riforma entro luglio, se dobbiamo cambiare la governance, altrimenti andremo al rinnovo con la Gasparri – ha detto il premier a Rtv38 – quello che è importante è che nella riforma del sistema radiotelevisivo ci sia attenzione all’emittenza locale, che è un punto chiave». La dichiarazione giunge in concomitanza con la chiusura formale del mandato triennale del cda di Viale Mazzini. A rompere le righe ci ha pensato l’assemblea degli azionisti che ha approvato il bilancio 2014. Da oggi consiglio di amministrazione e direttore generale sono in regime di prorogatio fino alla nuova governance.

UN ANGELO
PER LA7
L’angelo Josephine ha fatto il miracolo. Il daytime e il preserale di La7 hanno forse trovato il programma che fa salire gli ascolti. Josephine Ange Gardien è stato visto nel pomeriggio da 541.000 spettatori (share del 4,12%) e nel preserale da 606.000 spettatori (share del 4,09%). A seguire Crozza (in replica) ha perso più di un punto di share.

SKY SU DI GIRI
Entra nel vivo il Mondiale di Formula 1 ed crescono gli ascolti di Sky. Il GP di Monaco ha ottenuto un ascolto complessivo di 1.052.959 spettatori medi, con il 5,87% di share.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA