Pubblicità, la guerra dei prezzi scontati

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Nel Patto del Nazareno c’è anche la Rai. E precisamente ci sono due alti dirigenti che Silvio Berlusconi vorrebbe che il cavallo di Viale Mazzini disarcionasse in fretta. Il primo è Fabrizio Piscopo, amministratore delegato dell’ex Sipra (oggi Rai Pubblicità), il secondo è il dg Luigi Gubitosi che ha avallato alcune scelte compiute proprio dal dirigente, proveniente da Sky. Nodo del contenzioso è l’abbassamento dei prezzi per i break pubblicitari deciso dalla Rai. Decisione che di riflesso ha infastidito molto il management di Publitalia, falsando il mercato. Sta di fatto che la riforma della Rai si farà al più presto. Così come quella del canone. L’amministratore unico e un cda più slim (e più smart) sono nell’agenda del governo e del premier Renzi. Resta solo da vedere se Berlusconi avrà ancora voce in capitolo dopo la pesante sconfitta elettorale.

MEDIASET CELEBRA SALVINI
Matteo Salvini show a Quinta Colonna. Il giorno dopo che l’esponente della Lega ha battuto Forza Italia e pone la candidatura per la leadership del centrodestra, Paolo Del Debbio lo ha celebrato come fosse un premio Oscar. Nemmeno Vespa sarebbe stato capace di fare altrettanto. Sono andate in onda tutte le volte che il giovane Salvini ha partecipato ai programmi Mediaset. Onore al merito. Occhio però, perché la gente è fuori dai gangheri e Salvini piace molto di più quando parla di periferie, sicurezza e immigrati.

VESTITO E SHARE CORTO
Il derby Milan-Inter ha superato il 12% di share, sommando quasi l’8% di Sky e il 4,66% di Premium. Spettatori totali in media: 3.293.000. Tuttavia, nonostante ci fosse il derby della Madonnina la Domenica sportiva non è andata in doppia cifra (9,41%). Oltre al vestito della conduttrice Sabrina Gandolfi si è accorciato pure lo share. Anche per Novantesimo minuto sembrano lontani i tempi in cui si superavano in scioltezza i 2 milioni di spettatori di media.

PIANO EDITORIALE IN TV
Il neo direttore Carlo Paris sta per presentare il piano editoriale di Raisport. Un piano che sarà trasmesso – oltre che in bassa frequenza per le sedi regionali – perfino sul sito e in tv sul canale. Come se al telespettatore importasse qualcosa del piano editoriale. Il nuovo vicedirettore che Paris cercherà di far nominare è Fabrizio Failla.

CHE ASCOLTI IN FAMIGLIA
Proseguono i buoni ascolti di Unomattina in Famiglia che con Ingrid Muccitelli e Tiberio Timperi raggiunge uno share del 25%, tanto al sabato quanto alla domenica. Un giorno festivo che ha portato bene anche a Kilimangiaro – Ci Divertiremo Un Mondo su Raitre (1.201.000 spettatori con il 7,4%) e Quelli che il Calcio su Raidue (1.500.000 con il 9,77%) che ha fatto meglio del programma a seguire Stadio Sprint (1.171.000 con il 7.16%), dimostrando che gli spettatori del pomeriggio domenicale di Raidue preferiscono il calcio raccontato in maniera divertente a quello degli spogliatoi. Chi vuole le interviste guarda Sky e Premium).
I NANI DI REAL TIME DIVENTANO DEI VERI GIGANTI
I nani della docufiction Questo piccolo grande amore fanno di Real Time un gigante. Il canale del digitale terrestre e del gruppo Discovery domenica sera ha superato il milione di telespettatori, battendo Retequattro e portando a casa un bel 5,4% in seconda serata. Niente male se si considera che Maurizio Costanzo è stato seguito su Canale 5 da 286.000 spettatori con il 5,74%.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

I burocrati uccidono più del virus

Dobbiamo attendere gli accertamenti medici per sapere se la giovanissima Camilla Canepa è morta per il vaccino Astrazeneca o per altro, ma in ogni caso questa tragedia ha fatto emergere tutte le falle della campagna vaccinale: il Cts, l’Aifa, Figliuolo e le Regioni. Ora non

Continua »
TV E MEDIA