Quasi 4 italiani su 10 non hanno scaricato l’App Immuni. In molti la ritengono inutile. E nonostante il via libera del Garante e le innumerevoli rassicurazioni c’è ancora chi teme per la privacy

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Quasi 4 italiani su 10 (37%) dichiara di non aver ancora scaricato la App Immuni e di non avere alcuna intenzione di farlo, a fronte di un 24% di italiani che invece Immuni la usa già. La rimanente popolazione nazionale è ancora indecisa sul da farsi. Il dato, frutto di una indagine sull’impatto psicologico dell’emergenza Covid-19 in questa Fase 3, condotta dal Centro di ricerca EngageMinds HUB dell’Università Cattolica, campus di Cremona, arriva in concomitanza con la nuova campagna promossa dal Governo italiano a favore dell’utilizzo della App per il tracciamento dei contatti.

Il dato è ancora più preoccupante in quanto appare in peggioramento rispetto a quanto emerso nella rilevazione effettuata durante la Fase 2 dallo stesso Centro di ricerca quando Immuni ancora non era stata sviluppata, ma già se ne parlava, in cui il 40% degli italiani aveva dichiarato che “molto probabilmente” avrebbe installato una App per il tracciamento dei contatti e solo il 16% lo escludeva categoricamente. Insomma: con il passare del tempo e le prime esperienze sembra che si sia addirittura eroso il consenso circa Immuni, invece di essere aumentata l’intenzione a scaricarla.

Solo per un 2% si tratta di dimenticanza e solo il 7% lamenta problemi tecnici (per esempio incompatibilità con il proprio cellulare, difficoltà a scaricarla e a farla funzionare). A prevalere sembrerebbero essere preoccupazioni e pessimismo sulla sua utilità. Infatti è diffuso lo scetticismo circa il razionale uso e l’efficacia di Immuni: il 63% degli intervistati che non hanno ancora scaricato Immuni la ritiene inutile, percentuale che aumenta al 67% tra gli uomini e tra chi si sente “confidente” nella sua capacità (spesso “buon senso”) di prevenire il rischio di contagio (70%). Inoltre il 35% teme che la sua privacy non sia tutelata e necessiterebbe di maggiori rassicurazioni.

Ciò che di più rilevante risulta dalla ricerca dell’EngageMinds Hub è che la predisposizione all’impiego dell’App appare decisamente influenzata da fattori psicologici. Innanzitutto chi è più spaventato dell’epidemia da Covid-19 è anche più predisposto a utilizzare un sistema di contact tracing: il 41% rispetto al 31% di chi è meno in allarme. Ma a fare la differenza sembrano essere anche i valori e la personalità dei rispondenti: chi ha scaricato Immuni, infatti, si descrive come più tollerante e altruista e dichiara per lui prioritario la realizzazione di principi di eguaglianza sociale e universalismo rispetto al resto degli intervistati. L’atteggiamento medio non cambia nemmeno tra chi ha una patologia cronica e il cui generale scetticismo verso la App è tendenzialmente in linea con la percentuale del campione nazionale.

Secondo i dati ufficiali sono quasi 7,5 milioni gli italiani che hanno scaricato la App Immuni, nei giorni scorsi arrivata a 7.481.141 download. Un dato, secondo l’ultimo aggiornamento del ministero della Salute al 6 ottobre, in crescita costante, soprattutto nell’ultima settimana. Dal 1 ottobre, parallelamente all’aumento dei contagi, si è registrato quasi un milione di download in più.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA