Rai a Rio. Il servizio pubblico ha speso 70 milioni per le Olimpiadi e finora ne ha incassati solo 7. Ecco le cifre

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Per ora non si può dire che sia stato un Olimpiade fortunata per la Rai. Certamente non produttiva in termini economici. Quasi settanta milioni di euro: a tanto infatti ammontano i costi che la Rai ha dovuto affrontare per mostrare gratuitamente a tutti gli italiani i Giochi di Rio 2016. Mentre gli incassi sono decisamente meno: fino ad oggi  si sono fermati a un decimo dei costi: 7.5 milioni.

Buon risultato, invece, per gli ascolti che tengono: 37 milioni di spettatori unici, cioè sintonizzati almeno una volta. Un dato buono, anche se in leggera flessione rispetto alle passate olimpiadi di Londra 2012.

I conti li ha fatti Il Giornale precisando che “i costi complessivi dell’operazione Rio si aggirano sui 68 milioni: di questi 60 sono serviti per l’acquisto dei diritti di trasmissione e 8 per la produzione. Di questi otto, tre sono stati usati per il personale (trasferte e soggiorno) inviato in Brasile: 180 addetti tra giornalisti, tecnici e impiegati; cinque per i costi industriali di realizzazione dei servizi”.

Il Giornale, però, fa notare che comunque si evidenzia un risparmio rispetto a Giochi di Pechino del 2008 quando le spese di produzione si aggirarono intorno ai 10 milioni mentre quelle per i diritti tv sugli 80. Anche allora il bilancio fu fortemente negativo. Si spende tanto per vederle Olimpiadi e si incassa poco insomma, ma pare che sia inevitabile.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA