Rai a tutto gas: 3 milioni per il noleggio delle auto. Ma occhio ai chilometri, oltre i 120mila la spesa cresce

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Viale Mazzini rinnova il parco auto. Mamma Rai prenderà in affitto 89 autoveicoli per cinque anni da destinare a undici sedi sparse su tutto il territorio nazionale. Evidentemente i mezzi già a disposizione della Radiotelevisione di Stato, guidata dal direttore generale Antonio Campo Dall’Orto, risultano insufficienti a soddisfare le esigenze. Ecco perché è stato indetto un bando per un importo a base di gara di 2,9 milioni di euro. Ogni veicolo preso a noleggio costerà in media circa 32 mila euro (Iva esclusa). Mezzi che dovranno essere restituiti alla fine del contratto della durata di 60 mesi all’azienda che si aggiudicherà la fornitura. Come direbbe Antonio Lubrano, celebre conduttore di tante trasmissioni a Viale Mazzini, a questo punto la domanda sorge spontanea: non sarebbe stato più conveniente acquistarli questi mezzi?

Il parco mezzi – Si tratta di autoveicoli nuovi di zecca. Rigorosamente Euro6, perché anche a viale Mazzini ci tengono all’ambiente. Complessivamente la Rai noleggerà 50 monovolumi, 27 furgoni di differenti tipologie, 10 auto di rappresentanza (rigorosamente color grigio metallizzato), un’auto station wagon e un pick up. I mezzi affittati potranno percorrere complessivamente un massimo di 10 milioni 680 mila chilometri. Ogni veicolo, quindi, non dovrà mediamente fare più di 120 mila chilometri. Perché ovviamente la strada percorsa in eccesso si paga, come previsto dal bando. Nell’affitto, però, sono comprese manutenzione, assicurazione, eventuali sanzioni amministrative, soccorso stradale e tassa di possesso che saranno a carico dell’azienda fornitrice dei mezzi. La maggior parte dei veicoli (45) è destinata alle sedi romane, a seguire ci sono Milano (21), Napoli (7), Torino (6), Trieste (3) e Bolzano (2). Un automezzo ciascuno per le sedi di Ancona, Bologna, Firenze, Palermo e Potenza.

Apparecchiature di peso – Ma le spese in veicoli non finiscono qui. Perché altri due milioni di euro sono destinati (con un altro bando) alla fornitura di 16 autotelai comprensivi di motore, cabina guida e organi meccanici. Otto con una portata di 26 tonnellate e altri otto con una portata di 15 tonnellate. Sugli autotelai di base, in versione cabinato, la Rai farà costruire un allestimento specifico a seconda degli impieghi cui verranno destinati. Questi mezzi saranno utilizzati anche per il trasporto di materiale pesante, quali sono le apparecchiature necessarie alla realizzazione dei programmi. Per un parco mezzi che d’ora in avanti sarà rifornito di tutto di più.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La Giustizia che fa paura alla Lega

Chi avesse ancora dubbi su uno dei motivi per cui il Governo Conte è stato fermato proprio il giorno prima che l’allora ministro Bonafede facesse il punto sulla riforma della Giustizia, senta bene le parole dette ieri da Salvini: “Questo Parlamento con Pd e 5

Continua »
TV E MEDIA