Raidue su di giri, Italia 1 ai box. La terza forza delle generaliste è la rete di Teodoli. Le Iene non bastano. Già chiuso per flop About Love

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Tra Rai e Mediaset non c’è solo la sfida tra Raiuno e Canale 5. Ogni giorno si combatte la guerra degli ascolti su più fronti. Raidue ha come competitor Italia1, Raitre deve vedersela con Retequattro. Poi c’è il digitale terrestre con le reti tematiche della galassia di Viale Mazzini e di quella di Cologno Monzese. Nonostante l’entrata in scena del nuovo direttore di rete (Laura Casarotto), Italia 1 – il primo canale tutto al femminile, visto che anche il direttore del tiggì appartiene al gentil sesso (Anna Broggiato è stata la prima donna direttore di Mediaset) – sta perdendo colpi rispetto a Raidue, che negli ultimi anni ha invertito la rotta e sta recuperando posizioni di ascolti che le competono. Da gennaio a oggi la media giornaliera della rete di Angelo Teodoli raggiunge una media di poco inferiore al 7% di share (6,94% per l’esattezza), mentre Italia 1 è scesa sotto il 6% (5,76%). Una brusca frenata per la seconda rete di Mediaset che nel 2014 era al 6,06% (contro il 6,35% di Raidue). Il distacco tra le due reti si evidenzia ancora di più se si prendono i dati delle due reti nella prima serata: 7,21% la media share di Raidue contro il 6,19% di Italia 1. Questo nel 2015. L’anno prima le due reti erano più vicine anche in prima serata: 6,86% a 6,42% in favore di Teodoli.

IENE SOLE CONTRO TUTTI
A Raidue Made in Sud e The Voice vanno oltre il 10%, i telefilm non scendono mai sotto il 9. Per contro Italia 1 va forte in prime time solo con le Iene e con lo sport quando Mediaset decide di concederle una partita (sempre più di rado). L’ultimo flop è recente: About Love di Federico Moccia con Anna Tatangelo è stato già chiuso dopo l’esordio (2,94%). Per fortuna che c’è il pomeriggio con i Simpson e Studio aperto. Va male invece il preserale. Fattore Umano (3.48%), Notorius (2.88%) e Karaoke (4.23%) non fanno decollare la rete. Anzi, in questa fascia Italia 1 fa peggio pure di Retequattro e Raitre.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA