Raitre, Riotta diventa un caso rovente con Parallelo Italia. Vianello sotto accusa: spesi 2 milioni per un flop

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Con l’estate Raitre ha puntato su due programmi per consolidare gli ascolti del martedì e del mercoledì: 47 35 Parallelo Italia e Chi l’ha visto? le storie. In quest’ultimo caso l’obiettivo di tenere inchiodato il pubblico conquistato da Federica Sciarelli è stato centrato. Invece per quanto riguarda il programma itinerante del martedì condotto da Gianni Riotta si può parlare di flop. Sono stati investiti 2 milioni di budget (che divisi per le 7 puntate fanno oltre 285 mila euro a serata). Più di Ballarò che è costato mediamente 150 mila a puntata (super compenso del conduttore a parte). Solo Servizio pubblico è costato di più (oltre 300 mila a puntata compreso l’ingaggio di Michele Santoro). Ebbene le spese non hanno ripagato nemmeno la candela. Dopo un esordio da 1 milione con oltre il 5% di share (con l’intervista a Renzi), due tracolli al 3%. Martedì scorso alla coppia Gianluigi Paragone-Francesca Barra è riuscita l’impresa che Floris durante la stagione ha solo sfiorato: il sorpasso di La7 su Rai3. Quasi 200 mila spettatori in più e il 4,12% di share contro 3,57% di Riotta. Nonostante In Onda abbia dovuto affrontare in avvio la concorrenza di Del Debbio e il programma sia finito diversi minuti prima di quello di Raitre. Per la trasmissione dell’access prime time di La7 (che il martedì prende pure la prima serata) il bilancio è molto positivo. Una media share vicina al 4,5% e due conduttori che sono piaciuti al pubblico. Paragone, come Del Debbio, perché è di rottura, affronta i temi di pancia e non alla maniera dei politici. La Barra ha dimostrato di cavarsela bene anche in conduzione. E poi la sua presenza è stata una manna dal cielo per propagandare il programma di La7. In un mese è stata al centro dell’attenzione come nessuna mai. Scomodando invidiosi, fan e perfino direttori e politici snob. Le critiche nei suoi confronti sono state uno spot per il programma.

DOPO TRAP ECCO PRANDELLI
Raisport sta per chiudere con Cesare Prandelli come opinionista di Novantesimo minuto (quest’anno affidato a Paola Ferrari e Marco Mazzocchi). Al suo fianco sembra ci sia anche il vecchio e intramontabile Ormezzano.

IL TRAVAGLIO DI MENTANA
Francesca Fagnani ed Enrico Mentana, una delle coppie protagoniste del gossip. Dopo che i paparazzi li hanno beccati fuori da un locale romano, ecco che lei è stata vista fino a tarda sera al tavolo del ristorante La Fiorentina in compagnia di Marco Travaglio. Chissà se davanti a un buon bicchiere di vino e a un’ottima bistecca, i due abbiano parlato di un nuovo posto di lavoro. La Fagnani nella stagione tv appena conclusa ha fatto parte della squadra di Ballarò.

DANIELE LA PIÙ AMATA DAI NONNI
Psicologi e psichiatri dicono che la tv fa bene agli anziani. Pure d’estate. Aiuta a combattere la depressione. è un farmaco mentale. Da una ricerca di Federanziani Toscana la top five degli over 65 è: 1) Eleonora Daniele, 2) Mia Ceran-Alessio Zucchini, 3) Serena Bortone, 4) Gianluigi Paragone, 5) Alessia Marcuzzi.
NETFLIX-TELECOM SPOSI
ABBONATI SKY: 4,7 MILIONI
SUPERBOWL SU PREMIUM
Netflix in tv attraverso il decoder TimVision, anche in Hd, per i clienti Telecom Italia: è stato firmato l’accordo con la piattaforma Usa che arriva in autunno. Dopo tre anni di leggero calo gli abbonati di Sky in Italia sono stabili a 4,725 milioni. Per i prossimi tre anni atterra su Mediaset Premium la stagione della Nfl, la lega professionistica di football americano, con tanto di Super Bowl.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA