Raiuno manda avanti la Linea verde

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Si autodefinisce semplice, rustica e sincera. Ma anche un pochino ingenua. Il suo sogno del cassetto? “Vorrei riuscire a far venire fuori dal video la vera Ingrid, per poter aspirare ad avere un format adatto a me”. Dopo un’ottima stagione a Linea Verde, Ingrid Muccitelli è pronta a una nuova sfida, Sapore di sole nella terza parte di Unomattina.
In pratica lei è un h24 di Rai1?
“Evviva. Finché c’è lavoro sono molto contenta. Sarà preoccupante quando mi manderanno in vacanza”.
Nuova avventura al Sapore di sole…
“Andremo in onda tutti i giorni dal lunedì al venerdì, nella terza parte di Unomattina, dalle 10,30 alle 11,30. Da lunedì 2 giugno fino al primo venerdì di settembre. Ogni settimana ospite una regione. Si parte dalla Toscana”.
Dopo gli ottimi ascolti verrà riconfermata a Linea Verde?
“È presto per dirlo. Comunque spero di sì. Per me sarebbe un grande onore. L’anno scorso siamo andati bene. Con Patrizio Roversi è un piacere lavorare. Siamo una coppia tv affiatata, essendo molto diversi ci completiamo. All’inizio non conoscevo gli argomenti di cui parlavo. Ho studiato molto, ho approfondito i temi per poi farli miei. Ho imparato anche che a un contadino non bisogna mai dire mucca perché ti corregge subito: si dice vacca. Il programma itinerante mi ha fatto crescere molto. È una grande opportunità”.
Che cosa le resta di più nella memoria?
“I giovani che amano la terra. Che coltivano una passione tra mille difficoltà. È un vero insegnamento per tutti. Loro ci credono. Oggi fare il contadino è diventato un lusso. Sono tanti i ventenni che presa la laurea hanno acceso un mutuo perché credono in questo lavoro. Hanno pochissimi aiuti e agevolazioni. Lo start up è tremendo, eppure si rimboccano le maniche e vanno avanti. Investimenti e guadagno zero”.
Che cosa preferisce vedere in tv?
“I programmi di approfondimento. Il mio mito? Raffaella Carrà. Un’icona. La seguivo fin da bambina. Ballavo davanti alla tv con le sue canzoni. Ho pure una cicatrice… Sono caduta e ho sbattuto la testa sullo spigolo del tavolo di cristallo in salone. Cercavo di imitarla. Quella serata non è finita bene”.
Ha imparato a ballare?
“Macché. Non so né ballare né cantare. Magari avessi queste doti. Mi piacerebbe da matti saper cantare e avere una bella voce. Lo faccio solo sotto la doccia, quando però non c’è nessuno…”
Talent o reality?
“I talent mi piacciono, i reality un po’ meno. Mi hanno un po’ stancato. Sono rimasta all’Isola di Simona Ventura”.
Lei ha 34 anni. A questa età le donne pensano ad avere un figlio…
“Mi do ancora tempo, c’è un grande fanciullino in me. Però l’ansia c’è. A 18 anni mi vedevo a 30 con una famiglia. Oggi fortunatamente ho il lavoro. In questo momento è dura per una donna pensare ad avere tutte e due”.
Le rughe le fanno paura?
“No. Sono una fan della Magnani. W le rughe tutta la vita. Come disse lei, ci ho messo tanto per averle”.
Si è mai rifatta?
“Sono contraria. Non mi piace la chirurgia estetica. Le fa sembrare tutte uguali. Mi piaccio con i miei difetti”.