Re detronizzato. Federer eliminato a Wimbledon da Anderson. Lo svizzero cede alla distanza nei quarti di finale sui suoi prati preferiti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Detronizzato il Re. Roger Federer ha salutato, a sorpresa, i suoi prati preferiti. Il tennista svizzero ha ceduto 13-11 al quinto set, di fronte a Kevin Anderson, nei quarti di finale del suo torneo, quel Wimbledon vinto otto volte in carriera. L’elvetico era il campione in carica e resta il più titolato nella storia della prestigiosa kermesse britannica, vinta dal 2003 al 2007, nel 2009, nel 2012 e lo scorso anno. Quest’oggi però, oltre a fallire un match point, non è sembrato il grande spolvero. Così, sul campo numero uno dell’All England Lawn Tennis Club di Londra, Federer, numero due del mondo e primo favorito di questa terza prova stagionale dello Slam, si è dovuto arrendere al gigante sudafricano, otto del ranking Atp e del tabellone. Questo il punteggio: 2-6 6-7 (5) 7-5 6-4 13-11, al termine di circa 4 ore e un quarto di autentica battaglia. Nel quinto set a Londra non si gioca il tie-break, come invece avviene agli Us Open. King Roger, dopo un buon avvio, è arrivato a un punto dalle semifinali, sul 5-4 in suo favore nel terzo set, prima di cedere il passo al più “fresco” avversario. Decisivo il servizio perso dall’elvetico nel 23° gioco del parziale decisivo.

“All’inizio del match mi sentivo proprio bene, eppure le cose non sono andate come speravo. Non so se si è trattato di problemi al servizio o di altro: posso dire che non avevo le certezze e le forze che speravo in alcune fasi del match. Alcune cose non venivano nel migliore dei modi: ero negativo soprattutto durante diversi giochi nel quinto set”. Così il sincero e lucido Roger Federer ha commentato la sconfitta contro Kevin Anderson.

Trema ma vince, a ruota, il numero uno del mondo, Rafa Nadal. Lo spagnolo, numero due del seeding, ha sconfitto al quinto set l’argentino Juan Martin Del Potro, numero 4 del ranking Atp e quinto favorito del tabellone. Questo il punteggio del match: 7-5 6-7 (7) 4-6 6-4 6-4, dopo circa 4 ore e 50 minuti di gioco. Nadal, vincitore a Wimbledon nel 2008 e nel 2010, ha sciupato ben quattro set-point nel tie-break del secondo set, complicandosi da solo, e di molto, la “vita”. In semifinale, venerdì, affronterà il redivivo Novak Djokovic, ex numero uno del mondo, approdato agilmente fra i primi quattro dei “The Championships”. Il serbo, 21 dell’attuale ranking Atp e 12 del seeding, ha battuto il giapponese Kei Nishikori, 28 del mondo e 24° favorito del tabellone, col punteggio di 6-3 3-6 6-2 6-2. Potrebbe essere una finale anticipata quella fra Djokovic, trionfatore a Wimbledon nel 2011, nel 2014 e nel 2015, e Nadal. Dall’altro lato del tabellone, infatti, sempre venerdì, Anderson incrocerà le racchette con lo statunitense John Isner, che ha avuto la meglio sul canadese Milos Raonic per 7-6 (5) 6-7 (7) 6-4 6-3. (ITALPRESS).