Nessun passo indietro sul Reddito di cittadinanza. Conte: “È un fatto di necessità oltre che di civiltà”. E sull’immigrazione: “Chiesi a Salvini di migliorare il sistema dei rimpatri ma non ci riuscì pur avendo i poteri di ministro”

Conte Reddito di cittadinanza
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“L’Italia sul reddito di cittadinanza non può più tornare indietro”. È quanto ha detto al Corriere l’ex premier e leader M5S, Giuseppe Conte. “L’iniziativa del centrodestra – ha aggiunto – spalleggiata da Italia viva, non potrà avere successo, perché il reddito di cittadinanza è un fatto di necessità oltre che di civiltà”.

“Siamo stati gli ultimi in Europa ad avere introdotto questa misura che garantisce coesione e sicurezza sociale – ha detto ancora Conte -, cosa che non è possibile se milioni di persone vivono al di sotto della soglia di povertà”. Il leader M5S si dice favorevole “a un tavolo che monitori la sua efficacia, rafforzi i controlli per evitare abusi e favorisca il dispiegamento di tutti i vantaggi per gli imprenditori collegati alle assunzioni”.

A propositivo di Salvini e l’emergenza migranti dice: “lui che cosa ha fatto sull’immigrazione? Già quando era un mio ministro cercai di fargli capire che un problema così complesso non si affronta con demagogia, facendo la voce grossa in televisione, sui giornali e sui social. Gli chiesi, senza successo, di migliorare il sistema dei rimpatri, ma non ci riuscì pur avendo i pieni poteri di ministro”.

“Avrebbe dovuto lavorare con costanza nella cornice europea – ha detto ancora Conte parlando di immigrazione -, dove non è mai stato troppo presente. Senza contare che i decreti sicurezza hanno messo per strada decine di migliaia di migranti dispersi per periferie e campagne. L’eliminazione della protezione umanitaria ha impedito a molti migranti di entrare nel sistema di accoglienza e ad altri di farli uscire in quanto non aventi più titolo, con il risultato che migliaia di migranti sono diventati invisibili”.

Conte dice di non temere un crollo alle amministrative e precisa: “il risultato di questo voto non potrà essere significativo per il Movimento, visto che il nuovo corso non ha ancora potuto dispiegare i suoi effetti. Quindi non potrà essere questo un banco di prova. Ma la faccia io ce la metto sempre”.

Leggi anche: Conte rassicura il premier Draghi: “Non ho fretta di andare a votare, avanti col Pnrr”.