Reddito di cittadinanza, Tridico: “Passo di civiltà importante. Finora 1,2 milioni di richieste e 3 milioni di cittadini raggiunti”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

“Ad oggi le domande per il reddito di cittadinanza sono arrivati a 1,2 milioni, di queste il tasso di rifiuto si è mantenuto stabile al 25, 26 per cento, sono stati 3 milioni gli individui raggiunti”. E’ quanto ha detto il presidente dell’Inps, Pasquale Tridico, intervenendo alla presentazione del rapporto sociale 2019. “Il reddito di cittadinanza – ha detto il numero dell’Istituto di previdenza – è uno strumento fondamentale per la coesione e lo stato sociale. Un passo di civiltà importante. L’Inps fa welfare da anni, ma la nostra utenza comincia a cambiare. Iniziamo a ricevere in istituto persone che non avevamo mai ricevuto, i poveri assoluti”.

“Il fenomeno che sta emergendo è l’emersione del nero” ha aggiunto Tridico spiegando che “per ora si tratta di singoli casi, di aneddoti e a fine anno potremo fare una valutazione più completa”. “Quello che posso dire – ha aggiunto il presidente dell’Inps – è che alcuni lavoratori in nero sono spinti dai propri datori di lavoro a non fare domanda di Reddito di cittadinanza. Ci sono stati casi di persone che hanno rifiutato o si sono informati sulle modalità di rifiuto del Reddito di cittadinanza”.