Rex a cuccia davanti a Montalbano. Neanche il cane commissario risolleva gli ascolti di Raidue, sempre più in agonia. Il telespettatore ha più fiducia nella Signora in giallo che nel premier Letta

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Chi è il commissario numero 1 della tv? Le repliche delle due puntate di Rex con Kaspar Capparoni hanno registrato rispettivamente 982.000 telespettatori (share del 3,4%) e 873.000 (3,24%). Soltanto Retequattro ha fatto peggio di Raidue nel prime time di mercoledì. Dunque, neanche il popolare cane commissario ha risollevato le sorti di una rete sempre più in agonia. In pratica ha fatto gli stessi ascolti del Virus di Nicola Porro, spostato al venerdì. La realtà è che il mercoledì non c’è trippa per gatti (figuriamoci per i cani) contro il re dei commissari, quel Montalbano signore degli ascolti che vanta numeri incredibili. Un vero fenomeno internazionale, esportato e amato nel mondo, che ha superato un miliardo di spettatori globali. In Italia gli ascolti dei 26 episodi, più quelli delle repliche, dal 1999 a oggi in prima serata Rai hanno superato gli 800 milioni.

Agorà batte Mattino 5
Continua il momento magico di Agorà, la trasmissione del mattino di Raitre condotta da Gerardo Greco. Mercoledì mattina ha registrato 605.000 telespettatori per il 12,04% di share. Ha fatto meglio della prima parte di Mattino 5, visto da 588.000 spettatori. Peccato per la rete diretta da Andrea Vianello che le trasmissioni che hanno seguito Agorà non hanno tenuto il livello di share (Mi Manda RaiTre con Elsa di Gati 126.000, 2.67%; Elisir 230.000 con Michele Mirabella 3.63%; Pane Quotidiano con Concita De Gregorio 665.000, 4.88%).

Fiducia illimitata per la Signora in giallo
La diretta sulla fiducia a Enrico Letta ha portato buoni ascolti in Rai. Oltre un milione di telespettatori ha seguito lo speciale di Rai Parlamento rimbalzando sui tre canali generalisti. Buona performance anche per Enrico Mentana su La7 (673.000 spettatori, 7.41% di share con picchi superiori al 13%). Comunque va detto che gli speciali sulla fiducia a Letta non hanno tolto un telespettatore al Dr. House (395.000 spettatori) e alla Signora in giallo (944.000 teste sintonizzate). Molta gente quindi ha più fiducia in Jessica Fletcher che nei nostri politici.

Vespa si mangia tutti
Nella seconda serata di mercoledì Porta a Porta (share 17,5%) ha asfaltato tutti i rivali, a cominciare da Matrix (6,83%) e Dentro la Notizia di Giovanni Toti che ha fatto numeri da emittente sul digitale (186.000 telespettatori per uno share dell’1,80%).

Cresce anche Paragone
La quarta puntata de La Gabbia con Gianluigi Paragone su La7, ha registrato 1.102.000 telespettatori in valore assoluto, share del 4,85%. Un buon passo in avanti rispetto alle prime puntate. È pur vero che la serata era particolare per gli eventi politici, tuttavia i telespettatori hanno premiato gli sforzi del conduttore e della sua squadra. Ora però bisognerà vedere se la performance verrà confermata al prossimo giro.

Il paracadute è servito
Il cda della Rai ha approvato la proposta avanzata dal dg Luigi Gubitosi di nominare Nino Rizzo Nervo presidente della Scuola di Giornalismo Radio Televisivo di Perugia, Antonio Socci vice e Antonio Bagnardi direttore.