Ricette contro l’inquinamento: cresce in Italia l’uso di Gpl. Per l’Ad di Liquigas, Arzà è questa la soluzione anti-smog. E il metano non arriva a 4 milioni di italiani

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Anche se pioggia e freddo quest’anno non si sono adeguati al calendario la primavera è già arrivata e il suo tepore sta seguendo. A breve ci troveremo perciò a spegnere i caloriferi. Sebbene quindi tutto ci dica che è necessario pensare sempre meno al riscaldamento, proprio questo è invece il momento più opportuno per fare un bilancio del nostro impianto, considerando tutte le possibilità anche in tema di soluzioni energetiche. E magari valutare di cambiare la vecchia stufa a legna o pellet che abbiamo da tanti anni ricorrendo anche a un diverso tipo di combustibile. Andando a studiare le varie soluzioni di approvvigionamento energetico che il mercato propone con gran varietà la nostra attenzione è caduta sul GPL. Il GPL, infatti, oltre a essere utilizzato sempre più spesso per le automobili, è una risorsa preziosa anche per gli impianti di riscaldamento domestici. Infatti, il GPL, non solo possiede un elevato potere calorifico ma è anche una fonte energetica ad alto rendimento che lo rende competitivo rispetto ad altri combustibili. Inoltre, è una risorsa pulita e non inquinante, date le basse emissioni generate. Abbiamo parlato di questa opzione energetica con Andrea Arzà, Amministratore delegato di Liquigas, gruppo leader nella distribuzione di GPL in Italia: “Il GPL ha caratteristiche energetiche e ambientali che ci impongono di considerarlo come opzione di rilievo per i nostri impianti. Inoltre, è possibile distribuirlo e stoccarlo in diverse tipologie di contenitori, dalle bombole ricaricabili ai serbatoi interrati e fuori terra, rendendolo adattabile a diverse necessità”. Caratteristiche che rendono questo combustibile di grande interesse se siamo fra quei milioni di italiani (le ultime statistiche parlano di oltre 4 milioni) che vivono in aree non raggiunte dal metano. Si tratta di aree rurali, spesso isolate, che però vedono il fiorire di attività produttive spesso vitali per il tessuto socioeconomico circostante e con numerosi nuclei familiari.

NON SOLO TRASPORTI
Nonostante l’abitudine di pensare al GPL solo per i trasporti, è quindi necessario iniziare a ragionare in maniera diversa: “Il GPL è particolarmente adatto per soluzioni di riscaldamento domestico e per alimentare impianti al servizio di attività produttive, quali esercizi commerciali, attività ricettive, laboratori artigianali e piccola industria”, conferma Arzà. Anche per gli impianti a GPL, come per tutti gli impianti a prescindere dal tipo di combustibile, è importante procedere con le opportune verifiche periodiche ed eseguire tutti i necessari controlli previsti dalla legge, che ne garantiscono la totale sicurezza.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA