Riotta non ha più il Posto al Sole. Dopo la soap un milione di spettatori cambia canale. Varriale sfida Pardo e gli soffia gli opinionisti

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Visti i risultati e gli ascolti, almeno d’estate, alla Rai converrebbe più svuotare le teche e mandare in onda spezzoni di decenni della tv del passato, piuttosto che affidarsi a nuove trasmissioni che costano un occhio della testa. È il caso del nuovo programma di attualità e approfondimento di Raitre affidato alla guida esperta di Gianni Riotta, che oltre alla tensione per la contestazione in diretta ha dovuto pure subire l’onta dei dati Auditel. Dopo una prima puntata che almeno è stata vista da una media di un milione di spettatori (5,28% di share), c’è stata una seconda dai risultati più che deludenti: 678.000 telespettatori, share 3,69%. E pensare che il budget messo a disposizione di Gianni Riotta è stato di due milioni per le sette puntate di 47 35 Parallelo Italia che è costato 285.714 euro a serata. In pratica si sono spesi 285 mila euro per far vedere un programma a soli 678 mila telespettatori. Basta fare l’esempio di Techetechetè per far impallidire il direttore di rete Andrea Vianello. Il quotidiano che va in onda nella fascia access prime time, al posto di Affari tuoi, nello stesso giorno di Riotta ha registrato una media di 3.526.000 telespettatori, share del 18,89%. Ma un’altra botta al duo Vianello-Riotta e a tutti quei soldi spesi per comprare caviale invece che beni di prima necessità arriva dal programma che Raitre ha mandato in onda prima di 47 35 Parallelo Italia: la soap Un posto al sole ha inchiodato davanti al video 1.747.000, pari a un 9,43% di share. Morale della favola: più di un milione di persone ha cambiato canale quando è apparso Riotta.

 

CUCCIARI PER FIORETTI

Geppi Cucciari farà coppia con Giorgio Lauro. I due condurranno Un Giorno da Pecora, il programma di Rai Radio2 che racconta il mondo della politica e dello spettacolo in modo ironico e divertente, e che tornerà in onda da settembre nel tradizionale orario delle 13.45. Ma che dopo otto anni di conduzione non vedrà più in studio Claudio Sabelli Fioretti che scelto di prendersi almeno un “ventennio sabbatico” dalla trasmissione, come ha annunciato sulla pagina Facebook.

 

TIKI TAKA SOTTO PROCESSO

Dal 24 agosto torna il Processo del lunedì. E da quest’anno torna su una rete generalista, Rai3 (dalle 23 alle 24), dopo edizioni andate in onda su Rai sport 1. In conduzione Enrico Varriale e Andrea Delogu. Sarà un bel derby contro Tiki Taka di Pierluigi Pardo, in onda su Italia 1. Raitre si è già mossa per indebolire gli avversari. Ha già soffiato al competitor due opinionisti, Andrea Scanzi e Michele Dalai. Ora si tenta l’assalto a Giampiero Mughini.

 

 

COSTANZO E BAUDO A SAN MARINO

La Radiotelevisione di San Marino, affidata alla responsabilità di Carlo Romeo, prova a rilanciare il suo palinsesto. La rete è visibile su Sky (canale 520), sul satellite e digitale terrestre (73). La partecipata di Viale Mazzini attingerà molto dai programmi e dai personaggi Rai. Tra i big collaborano con Romeo Maurizio Costanzo e Pippo Baudo. Ma anche la fiction di Don Matteo, la cultura di Paolo Mieli e lo sport con Italo Cucci.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA