Rivaldo anti-Olimpiadi, invita gli stranieri a disertare Rio 2016. Perché in Brasile si continua a morire in strada

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Meglio evitare la presenza a Rio per l’Olimpiade 2016. Perché il Brasile è un Paese pericoloso. L’ex campione del mondo di calcio brasiliano Rivaldo è intervenuto a gamba tesa sull’evento che si svolgerà in estate. Il post pubblicato su Instagram fa riferimento a un fatto di cronaca: una giovane è stata uccisa per strada. A testimonianza di un dilagare della criminalità, mentre l’instabilità politica rischia di compromettere anche la tenuta sociale. Un quadro non proprio idilliaco per avvicinarsi all’appuntamento che metterà una città, e con l’intero Paese, sotto i riflettori.

“Questa mattina alcuni banditi hanno ucciso questa ragazza. Le cose più brutte accadono sempre in Brasile. Io consiglio a tutti coloro che intendono visitare il Brasile o venire all’Olimpiade di Rio, di restare a casa”, ha scritto l’ex campione del mondo di calcio. “Qui siete a rischio di essere uccisi. Per non parlare degli ospedali pubblici che non sono in grado di garantire un’assistenza adeguata e della situazione politica caotica”. E la conclusione del suo messaggio è un appello all’intercessione divina: “Solo Dio può cambiare la situazione del nostro Brasile”. Le parole scritte da Rivaldo hanno scatenato reazioni opposte: alcuni gli hanno dato ragione, perché il problema della sicurezza è sentito. Altri, invece, lo hanno accusato di screditare il proprio Paese dopo essersi arricchito.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA