Rom caput mundi. Vasta operazione nella Capitale contro 5 famiglie di etnia Sinti: sequestrati beni per 30 milioni

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Vasta operazione, a partire da questa mattina, della Direzione investigativa antimafia di Roma e dei carabinieri del comando provinciale della Capitale, in collaborazione con la Guardia di finanza, che stanno eseguendo nei territori di Ladispoli e Cerveteri un sequestro di beni per 30 milioni di euro nei confronti di 5 famiglie di etnia Sinti, legate da stretti vincoli familiari e con numerosi precedenti penali.

Secondo gli investigatori, quest’ultime avevano dato vita ad un’associazione per delinquere attiva sia nel Lazio che in note località turistiche del territorio nazionale e estero. La misura è stata emessa dal Tribunale di Roma, Sezione Misure di Prevenzione, su proposta del direttore della Direzione investigativa antimafia, Nunzio Antonio Ferla.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Il suicidio del servizio pubblico

La difesa strettamente burocratica, da perfetto travet, fatta dal direttore di Rai3 Franco Di Mare in Commissione di vigilanza (leggi l’articolo) per scrollarsi di dosso l’accusa di censura sul concertone del Primo Maggio, spiega più di un’intera enciclopedia perché il Servizio pubblico in Italia è

Continua »
TV E MEDIA