Roma, corruzione sugli appalti della sanità pubblica. Nove persone arrestate, ci sono anche dirigenti della Asl. Indagato pure il deputato e re delle cliniche Angelucci

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Ancora corruzione nella Capitale. L’ultima indagine in ordine di tempo riguarda la sanità pubblica, un settore che fa gola visti i soldi che girano. Quello scoperchiato dai Nas di Roma è un presunto sistema corruttivo con una turbativa d’asta di appalti nella sanità. I carabinieri hanno arrestato nove persone tra dirigenti dell’Asl e imprenditori. Non è tutto. Perché ci sono altre dieci persone indagate per traffici di influenze e falso. In carcere sono finiti due dirigenti della Asl e un gestore di laboratorio di analisi cliniche, sei dipendenti della sanità pubblica e imprenditori si trovano invece agli arresti domiciliari.

Il sistema costruito era finalizzato a truccare le gare d’appalto per assegnare le opere manutentive di alcune strutture sanitarie che si trovano a Roma. I traffici di influenze contestati riguardano dirigenti e pubblici ufficiali, imprenditori privati e altri soggetti ritenuti “coinvolti in una ramificata rete di reciproche facilitazioni affaristiche finalizzate alla realizzazione di profitti e vantaggi personali, perpetrate mediante traffici di influenze e la redazione di false attestazioni”. Le perquisizioni hanno riguardatole sedi Asl Rm di Lungotevere Vittoria e di Borgo Santo Spirito.

I tre filoni d’inchiesta – Al centro dell’inchiesta c’è il dirigente della Asl Maurizio Ferraresi che sarebbe tra i protagonisti di alcuni episodi di corruzione e turbativa d’asta. Ferraresi, secondo quanto rivelato dall’inchiesta, sarebbe stato stipendiato da due imprenditori titolari di studi di analisi cliniche; in pratica il dirigente prendeva soldi per consigliare, a chi si rivolgeva alla commissione patenti di cui è responsabile, lo studio Dionisi (di Mario e della sorella Rossella).Sempre Ferraresi (questa la seconda tranche dell’inchiesta) è finito nel mirino perché avrebbe messo in contatto alcuni imprenditori con il dirigente Asl Claudio Cascarino in relazione a una gara d’appalto. Terzo e ultimo atto dell’inchiesta riguarda, invece, l’imprenditore Antonio Angelucci. Il deputato di Forza Italia è indagato per traffico di influenze perché avrebbe cercato qualcuno che gli desse una mano in Cassazione per avere una sentenza favorevole in relazione a un sequestro preventivo. Tentativo però fallito. Angelucci avrebbe contattato Ferraresi per intervenire in qualche modo, in cambio il dirigente avrebbe chiesto all’imprenditore l’assunzione delle due fidanzate dei figli.