Roma, lo stupratore della tassista confessa: “Ho avuto un raptus e l’ho aggredita”. In carcere il trentenne romano Simone Borgese

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Pressato dagli inquirenti ha confessato lo stupratore della tassista. “Ho avuto un raptus e l’ho aggredita”, ha detto Simone Borgese, 30 anni cameriere romano. La violenza venerdì mattina nella zona di Ponte Galeria dove ha violentato una tassista di 43 anni. L’uomo ora si trova al carcere di Regina Coeli con l’accusa di violenza sessuale e rapina. Decisiva sarebbe stata la diffusione della fotografia. “E’ una cosa di cui mi pentirò per tutta la vita”, ha detto Borgese, “non mi era mai successo in vita mia una cosa del genere”. Borgese, apparentemente tranquillo, conta anche qualche precedente penale. Intanto per protestare contro la scarsa sicurezza i tassisti romani hanno indetto uno sciopero per il prossimo 9 giugno.

 

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA