Roma, psicosi metropolitana. Fermato uomo con fucile ad aria compressa nella stazione di piazzale Flaminio. Era visibilmente ubriaco

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Un uomo ubriaco con in mano un fucile ad aria compressa ha terrorizzato la metro della Capitale. Si tratta probabilmente di un uomo dell’est senza fissa dimora che ha gettato nel panico la fermata della metro A – Flaminio stamattina intorno alle 8,30. L’uomo è stato bloccato dal pronto intervento dei militari dell’esercito che dopo i fatti di Parigi dello scorso novembre presidiano tutte le fermate della metropolitana. Per l’uomo è arrivata una denuncia per porto abusivo d’armi e procurato allarme.

Poco più di un mese fa, lo scorso 25 gennaio, nel panico era finita la stazione Termini della Capitale per la presenza di un uomo, ripreso dalle telecamere di sorveglianza, mentre camminava con un fucile poi risultato finto. La stazione fu evacuata e parte della metro bloccata. Ma anche in quell’occasione non tutta la stazione Termini fu evacuata. Come raccontato da La Notizia ci si dimenticò di fermare anche il treno proveniente da Campobasso che riuscì ad arrivare tranquillamente al 20 bis facendo scendere i passeggeri in una stazione deserta. Per fortuna non era un terrorista.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Quell’asse Draghi-Renzi sui Servizi

A volte guarda che strane le coincidenze! Il direttore del Dis (il coordinamento dei Servizi segreti) Gennaro Vecchione informa il Copasir, cioè il Parlamento, che lo 007 Marco Mancini ha incontrato Matteo Renzi nell’autogrill di Fiano Romano senza informare i superiori, e 48 ore dopo

Continua »
TV E MEDIA