Salvini non pubblica le mail di Trump. E non ci sono le prove dell’organizzazione dell’incontro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Niente mail pubblicate e così Matteo Salvini non fornisce le prove dell’incontro organizzato con Donald Trump, dopo che il candidato repubblicano alla Casa Bianca ha disconosciuto il leader del Carroccio. “Ci sono almeno una dozzina di e-mail di preparazione di quell’incontro”, aveva affermato Salvini per smentire il miliardario in corsa per la presidenza degli Stati Uniti. Dichiarazioni rese con sicurezza che facevano presagire a un rapido chiarimento della vicenda. Ma lo staff leghista ha definito “conversazioni private” lo scambio epistolare.

Quindi non è possibile conoscerne il contenuto “senza l’autorizzazione dei collaboratori di Trump”. Che difficilmente si esprimeranno in senso favorevole, vista la polemica che è scaturita. L’intervista a Hollywood Reporter, in cui Trump ha detto “Non volevo incontrare Salvini”, resta perciò un caso aperto, iscrivendosi come una pessima figura per il numero uno della Lega, che era volato in America presentandosi come un vero e proprio fan del leader repubblicano.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La solita Lega di Lotta e di Governo

Con la maggioranza gialloverde aveva fatto incassare bene al botteghino elettorale. Quindi niente di strano se torniamo a vedere il film della Lega di lotta e di governo. Il copione è sempre lo stesso. Salvini promette cose impossibili, illudendo un’Italia stremata dalle misure anti-Covid che

Continua »
TV E MEDIA