Elton John, 150mila euro il cachet a Sanremo. Altro che Unioni civili, il baronetto canta e incassa. Standing ovation per la Pausini. La Raffaele è super

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

È arrivato di corsa da Nizza. Si è esibito e ha intascato il cachet di 150mila euro, che visti i tempi non è poi nemmeno una cifra spropositata (in passato si è visto di peggio). Con la sua inconfondibile voce Elton John ha subito scaldato la platea. Altro che unioni civili, stepchild adoption e matrimonio omosessuale?
“Io l’ho invitato come cantante”, ha detto Carlo Conti, “e quindi parleremo di musica”. Il direttore-conduttore come sempre è apparso impeccabile. La sua macchina è stata perfetta e la serata ha avuto il giusto ritmo fin dall’avvio.

LA GARA – Secondo i bookmaker sono considerati i favoriti ma come il pubblico dell’Ariston e quello a casa ha visto entrare sul palcoscenico la coppia Caccamo-Iurato è rimasto a bocca aperta per il look scelto. Sembravano due caricature. La camicia di lui inguardabile, il vestito di lei da azzardato, come quello usato dalle matrigna di Cenerentola. Poi però come hanno messo in campo le ugole ed è cambiato tutto. La canzone Via da qui può andare lontano. Così come gli acuti di Noemi non hanno tradito la platea anche se all’inizio la sua La borsa di una donna ha lasciato tutti perplessi. E i Dear Jack, scesi in campo per terzi con un brano che farà furore nelle radio (non a caso è il gruppo portato dal network Rtl 102,5). Ma gli applausi più scroscianti del pubblico dell’Ariston nella parte iniziale della prima serata sono andati a Gabriel Garko (per la bellezza), al centenario atleta che quando ha cantato Vecchio Scarpone sembrava più intonato di Lorenzo Fragola, il primo interprete a rompere il ghiaccio e per una Laura Pausini in splendida forma. Diventata più bella col passare dell’età, seppure vestita in maniera carnevalesca. Standing ovation meritata. Non certo per l’abito. Delude Morgan con il suo gruppo, anche perché la sua inconfondibile voce appartiene al passato.

LA FINTA FERILLI – Virginia Raffaele ha conquistato subito il pubblico con la sua imitazione di Sabrina Ferilli e con le battute molto divertenti ha dimostrato di avere i tempi giusti del comico. Mentre Aldo, Giovanni e Giacomo non hanno divertito affatto. Il loro momento è stato il peggiore della serata inaugurale. Lo loro prima volta di Sanremo ha probabilmente coinciso con l’ultima. A notte fonda Savino e la Gialappa’s hanno condotto il Dopofestival, tornato dopo qualche anno di assenza. Nella seconda serata in programma stasera esordio anche per gli altri dieci Campioni. Il più atteso è Elio con le Storie tese con un brano sconvolgente.

IL PROCESSO – Ormai i cinquestelle partecipano pure alle trasmissioni sportive. La presenza del laziale Di Battista al Processo del Lunedì ha conciso con la netta vittoria della trasmissione di Raitre nei confronti del competitor Tiki Taka. In sovrapposizione 5,29% contro 4,92% di media. Varriale prende la linea intorno al 2% e chiude al 5,5% dopo un’ora di trasmissione. La media finale arriva tra il 3,5 e il 4% (lunedì scorso 4,6%). Visti i dati in crescita sul finale di trasmissione se il Processo durasse mezz’ora in più potrebbe arrivare a oltre il 5% di media.