Saviano adesso ha meno Amici. Lo scrittore snobba le critiche piovute da Sinistra. Registrato il monologo con cui sarà dalla De Filippi

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

In vista della supersfida del sabato sera tra Maria De Filippi e Antonella Clerici si affilano le armi (sarebbe meglio dire le posate, visto che in lizza c’è la conduttrice della Prova del cuoco). Chi vincerà la sfida degli ascolti? Da una parte, su Canale 5, la corazzata di Amici, quest’anno più agguerrita che mai. Sabrina Ferilli e Francesco Renga confermati in giuria, ma soprattutto Renato Zero e Roberto Saviano. Il primo giurato alla puntata d’esordio (poi lascerà il posto a Loredana Bertè), il secondo protagonista di un monologo alla Saviano in un talent della De Filippi. Un esperimento che sa di scommessa per entrambi. Dall’altra parte, su Raiuno, Antonella Clerici nel people show Senza Parole, un format al debutto che avrà come ospiti annunciati Arisa, Fabrizio Frizzi e il gruppo The Mobiles, ma che sfruttando il vantaggio della diretta (Amici viene registrato nei giorni precedenti) presenterà in studio qualche ospite a sorpresa dell’ultim’ora.

ENEL SPOSA MARIA
Le grandi aziende, almeno in avvio, hanno già scelto chi sarà il vincitore, puntando su Amici, che può contare sulla preziosa collaborazione di Enel, Vodafone e Dimensione Danza. Ad accompagnare la Clerici finora non c’è nessuno. Si aspetta l’esito della prima puntata per capire se qualche brand deciderà di imbarcarsi nell’avventura. Il caso Enel però merita di essere raccontato. L’azienda elettrica è da quattro anni lo sponsor di X-Factor, l’altro grande talent musicale in onda su Sky. Enel è anche un prezioso partner di Sky Arte. Tuttavia quest’anno il gruppo ha scelto di sponsorizzare pure Amici, il competitor numero uno di X Factor. È come se la stessa azienda sponsorizzasse la Roma e la Lazio contemporaneamente, oppure un investitore contribuisse alla campagna elettorale del Pd e della Lega. Per carità, ognuno è libero di fare quello che vuole, seppure a Sky non abbiano digerito bene la scelta di Enel. Anzi, inizialmente hanno temuto di perdere la partnership con X-Factor, poi invece dal gruppo guidato dall’a.d. Francesco Starace è arrivata la conferma che non c’è nessuna avvisaglia di disdetta e che quindi continueranno a onorare l’impegno con il programma di FremantleMedia Italia. Però almeno una telefonata a Sky se la sarebbero aspettata… Una questione di stile che evidentemente i responsabili della comunicazione di Enel non hanno avuto.

IL CASO SAVIANO
La presenza dello scrittore di Gomorra al talent più amato dai ragazzi e su una rete Mediaset ha scatenato qualche polemica tra i suoi ammiratori. Saviano ha risposto su Facebook: «Le parole delle persone che in questi giorni stanno criticando la mia scelta, mi rafforzano nella convinzione di aver fatto la cosa giusta. Del resto il mio invito è sempre lo stesso: prima di criticare bisogna conoscere. La critica a priori, nella migliore delle ipotesi, è ottusità». Lo scrittore – sempre su Facebook al termine della registrazione – ha postato: «È stato emozionante sentire che, per il tempo delle mie parole, ad Amici qualcosa si è fermato. Non solo canzoni, ma anche ascolto ed empatia per storie che riguardano tutti. Ho parlato di immigrazione. Ormai ne sentiamo parlare solo da Salvini e dai leghisti che ci dicono quanto i rom siano la feccia dell’umanità o quanto i lavavetri ai semafori siano rompicoglioni. Molti definiscono Amici una trasmissione troppo amena per poter veicolare messaggi a sfondo sociale. Non sono d’accordo con chi pensa “cosa c’entra Saviano con Amici?”. “Lui è di sinistra e a Mediaset non doveva metterci piede”. Io con questa sinistra, tanto ottusa, non c’entro niente. E c’entro davvero poco con i talk politici il cui unico scopo è quello di alzare i toni, mostrare litigi e mai il punto di vista degli italiani». Beh, se lo dice lui…

IL SOGNO DI ANTONELLA
La Clerici ha detto che sogna di lavorare con la De Filippi, magari condurre un Sanremo assieme. Quando il diavolo ti alliscia… vuole la tua anima.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La stampa e la sindaca deficiente

Le confidenze di Urbano Cairo ad alcuni tifosi del suo Torino hanno svelato cosa pensa questo editore (Corriere della Sera, La7 e altro ancora) della sindaca M5S Chiara Appendino, definita con fallo da Var, espulsione e retrocessione “deficiente”. Ma non c’è bisogno di videocamere nascoste o

Continua »
TV E MEDIA