Sbloccato il concorsone Rai. A luglio la prima prova: 5000 candidati per i 100 posti da giornalista precario

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Il concorsone Rai finalmente ha una data. L’appuntamento per la prova inaugurale è stato fissato nella prima settimana di luglio. I candidati sono circa 5 mila per i 100 posti da giornalista precario in palio. E dopo il primo test selettivo si ridurranno a 400. Le prove pratiche dovrebbero cominciare già nella prima metà di luglio, e andranno avanti fino alla metà di ottobre, con una pausa nel periodo estivo.

MEGLIO DEL FESTIVAL
Quando si parla di musica Carlo Conti è in pole position. Il conduttore assieme a Vanessa Incontrada sarà il padrone di casa dell’Arena di Verona domani sera in occasione dei Wind Music Award, in diretta su Rai1. Un cast canoro davvero d’eccezione. Si esibiranno: Baglioni-Morandi, Biagio Antonacci, Mario Biondi, Clementino, Club Dogo, Gigi D’alessio, Dear Jack, Francesco De Gregori, Elisa, Emis Killa, Emma, Fedez, Tiziano Ferro, Lorenzo Fragola, Gemitaiz&Madman, Il Volo, Deborah Iurato, J-Ax, Ligabue, Fiorella Mannoia, Marracash, Marco Mengoni, Modà, Gianna Nannini, Negrita, Nek, Eros Ramazzotti, Francesco Renga, Rocco Hunt, Subsonica. Ospite internazionale sarà il giamaicano Omi.

TUTTI CONFERMATI meno SANTORO
Dopo Nicola Porro per Virus su Raidue e il tanto discusso Massimo Giannini di Ballarò, anche Luca Telese ha strappato il visto per continuare nella prossima stagione con Matrix. Il conduttore si è visto prolungare il contratto. O meglio l’azienda del Biscione ha esercitato l’opzione che aveva sul terzo anno con un leggero ritocco al compenso. E la promessa di tornare con due puntate alla settimana. Anche se tra il dire e il fare… Un premio però Telese l’ha strappato per l’8% stagionale di media: la serata speciale del 10 giugno sull’Expo. La stagione di Matrix ricomincerà il 15 settembre. Quindi tirando le somme al via nella prossima stagione mancheranno solo Daria Bignardi e soprattutto Michele Santoro che tenterà di scovare strade nuove da percorrere. Qualche dubbio per la conferma di Giulia Innocenzi.

RAITRE SU DI GIRO
Vedere lo share di Raitre in doppia cifra al pomeriggio non è una prassi consolidata, anzi si può definire un episodio sporadico. È raro anche nelle altre fasce della giornata televisiva (ci riescono Fazio e la Sciarelli sempre, Greco e la Gabanelli qualche volta). Ma arrivare al 20% è un evento: ci è riuscito l’arrivo del Giro d’Italia nel tappone di sabato scorso con la Cima Coppi e Fabio Aru. L’ascolto medio è stato di 2.373.000 spettatori pari al 20,07% di share.