Scuole a rischio crollo. Ecco la situazione degli istituti: le tragedie non ci hanno insegnato ancora niente

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La tragedia di San Giuliano di Puglia in Molise ha insegnato ancora troppo poco in Italia. Perché dopo quella scossa di terremoto che causò il crollo della scuola in cui persero la vita 27 bambini e la loro maestra è cambiato ben poco. Lo dimostrano i dati diffusi questa settimana nel XIV Rapporto di Cittadinanzattiva su sicurezza, qualità e accessibilità a scuola. Basti pensare che più di un edificio scolastico su dieci presenta lesioni strutturali.

IL CENSIMENTO – Sono 150 gli edifici monitorati da Cittadinanzattiva. Emerge che una scuola su tre si trova in una zona ad alto rischio sismico. E tra quelle collocate nelle zone a rischio 1 e 2 soltanto l’8% è stato costruito secondo le normative antisismiche. Delle scuole monitorate l’agibilità statica la possiede solo il 35% degli istituti. È proprio la qualità delle strutture a incutere terrore nei genitori dei ragazzi. Soltanto negli ultimi tre anni, secondo un censimento, si sono registrati 112 crolli, che hanno portato al ferimento di 18 persone. “Si tratta di una situazione difficile e lo sarà per molti anni ancora”, ha sottolineato Adriana Bizzarri di Cittadinanzattiva, “Nonostante gli interventi governativi fin qui realizzati c’è ancora molto da fare”. Interventi che secondo quanto affermato dal ministro per l’Istruzione, Stefania Giannini, in risposta al question time di mercoledì scorso sono stati di “6 miliardi di euro investiti sull’edilizia scolastica dal Governo”. Cifre che, secondo il Movimento 5 Stelle, non sarebbero proprio esatte.

LEGGI ANCHE: Non è una scuola per disabili

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

La politica che ama il Medioevo

Va bene che la destra è conservatrice e quella italiana addirittura preistorica, ma quando ieri le cronache parlamentari narravano della Meloni che ha scritto a Salvini per accordarsi sui candidati alle amministrative non poteva che scapparci da ridere. Ma come: stanno sempre col telefonino in

Continua »
TV E MEDIA