Se n’è andata la Saeta Rubia

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Dalla Redazione

La Spagna e il Real Madrid piangono Alfredo Di Stefano. L’ex centravanti delle merengues, da molti considerato come il più grande giocatore del suo tempo, si è spento all’ospedale “Gregorio Maranon” dove era ricoverato da sabato per un infarto. Conosciuto come “La Saeta Rubia” (la freccia bionda) Di Stefano era nato a Barracas, uno dei quartieri di Buenos Aires.

Cresciuto nel River Plate, con l’approdo nel Real Madrid (nel 1953) acquisisce fama internazionale legando il suo nome alla storia del club e formando con Ferenc Puskas una delle coppie d’attacco più forti di tutti i tempi. Durante la sua militanza nel Real si aggiudica cinque coppe dei Campioni e otto campionati spagnoli.

Naturalizzato spagnolo è stato anche punta di diamante delle Furie Rosse iberiche. Il suo legame con il club più importante nel mondo lo ha portato a ricoprire, sino a oggi, il ruolo di vice presidente onorario. Di Stefano aveva 88 anni.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Garantisti con tutti tranne che con Grillo

Se pensate che la bava alla bocca dei peggio giustizialisti sia vergognosa date prima un’occhiata al veleno dei meglio garantisti, di destra e di sinistra, difensori a oltranza della nipote di Mubarak e sostenitori di partiti dove più delinquenti arrestano più ne arrivano, e non

Continua »
TV E MEDIA