Servizio pubblico, una calamità. La politica affossa la prima serata di Viale Mazzini. Maria De Filippi prende a schiaffi Vespa e Mattarella

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Si parla tanto di riformare la Rai ma la vera riforma che andrebbe fatta sarebbe quella di liberarla dalle ingerenze politiche. Ma coi fatti, non solo a parole. Liberarla dalla schiavitù delle lottizzazioni e dall’equivoco servizio pubblico. La gente è nauseata dalla politica. È un dato di fatto. Tutti i politici hanno perso credibilità. La crisi economica è pesante per molte famiglie. Per loro la tv resta l’unico svago. In prima serata, dunque, meglio guardare una fiction, una partita o un programma di intrattenimento piuttosto che un talk con quei politici che continuano a dire sempre le stesse cose, accusandosi a vicenda senza risolvere i problemi. A ragion di popolo la prima serata dovrebbe essere vietata alla politica. Altrimenti si prendono schiaffi dai competitor.

LA BATOSTA
Raiuno al 10% è una vergogna per Viale Mazzini. È come se la Juventus perdesse con il Cesena. Però apriti cielo se non si organizzano trasmissioni politiche ad hoc. Si viene meno al servizio pubblico. Ricordate il baccano per il mancato programma dopo l’attentato di Parigi? Nonostante Rainews aveva garantito la diretta a getto continuo. Bastava solo pigiare il ditino sul telecomando (a ricordarcelo c’erano pure rulli coi sottotitoli nei canali generalisti Rai). E invece scoppiò la bufera. Per l’elezione del presidente della Repubblica viale Mazzini non ha voluto rischiare la cagnara. Ed ecco che il sempre pronto Bruno Vespa ha organizzato il Porta a Porta speciale di sabato sera. Nella serata più importante di Raiuno. A chiudere una giornata piena di speciali. Ebbene Mattarella e Vespa sono stati asfaltati da Maria De Filippi che su Canale 5 è volata negli ascolti con C’è posta per te (5.792.000 spettatori in media, pari al 26,76% di share) mentre a vedere Vespa ce n’erano 2.305.000 (10,47%). Un altro schiaffo per Raiuno. La sera dopo il flop della Carrà, il cui talent continua a scendere di share (2.925.000 spettatori, il 12,53%, nella terza puntata). Vespa è riuscito a superare di poco L’era glaciale 3 su Italia 1. Morale della favola: così si affossa la rete ammiraglia che non dovrebbe essere gambizzata con il servizio pubblico in prima serata. O si fa in seconda oppure c’è il prime time di Raidue.

IL RISCATTO DI MENTANA
Sono andate meglio alcune maratone del mattino e del pomeriggio in concomitanza con l’elezione al Colle. Un riscatto dopo i giorni delle fumate nere. Speciale Tg1: 2.741.000 (15,61%) al mattino e meglio nel pomeriggio (3.927.000 e 18,3%). Riscatto anche per Mentana su La7 (7,87% con 1.156.000 spettatori).

LA CARICA DEI 199 MILA
La Rai dovrebbe dare un premio a quei 199 mila spettatori che hanno visto la replica di Forte Forte Forte sabato sera su Rai Premium. Uno dei pochi casi in cui l’emittente del giorno dopo sia scesa sotto l’1% di share (0,76%).

OH CHE BEL CASTLE
I detective di Castle continuano a fare meglio dei camorristi di Gomorra. Sabato sera la serie di Raidue è stata vista da 1.814.000 spettatori (6.74%) contro i 1.301.000 (5.04%) del primo episodio della serie tanto cara a Saviano, in onda su Raitre, che continua ad andare meglio nel secondo episodio (1.543.000 e 7,19%).