Bustarelle e festini con prostitute minorenni al cimitero di Sezze. Undici arresti a Latina: affari sulle tombe

sezze cimitero festini prostitute minorenni
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

Mazzette per poter avere una tomba dove far riposare i propri cari, per svolgere i servizi funebri  e per i lavori di sistemazione delle sepolture. E prima delle bustarelle pure un giro di prostituzione minorile. Tutto all’interno del cimitero di Sezze, in provincia di Latina.

Bustarelle e festini con prostitute minorenni al cimitero di Sezze

Un sistema criminale ampio quello tratteggiato dagli inquirenti. Dopo due anni di indagini svolte dai carabinieri, nell’ambito dell’inchiesta denominata “Omnia 2019”, ieri hanno chiesto e ottenuto undici arresti. Notificati inoltre altri 15 avvisi di garanzia ad altrettanti indagati. I primi accertamenti sono partiti su un giro di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione, compresa quella minorile, all’interno del cimitero. Poi si sono allargate al fronte della corruzione.

Ieri dunque, su quest’ultimo secondo filone d’indagine, sono scattate le manette per il custode del camposanto, un funzionario comunale e nove imprenditori. Con accuse a vario titolo di corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, induzione indebita a dare o promettere utilità, distruzione, soppressione o sottrazione di cadavere, peculato, concussione, tentativo di minaccia o violenza per costringere a commettere un reato, ed esecuzione di lavori in assenza del titolo abilitativo.

Leggi: Virginia Raggi prima in tutti i sondaggi sui candidati sindaci di Roma

Undici arresti a Latina: affari sulle tombe

E poi la traslazione delle salme, che venivano mischiate ai resti di altre tombe, disposta dal custode per consentire la costruzione di nuove tombe da cedere ai cittadini di Sezze. La rivendita dei fiori utilizzati, il giorno precedente per altre cerimonie funebri, e della legna potata nel cimitero dal custode e dal figlio. Le minacce nei confronti di coloro che avevano manifestato il desiderio di ristrutturare la propria tomba di famiglia attraverso ditte edili esterne. Le responsabilità di tre degli indagati che, nel febbraio del 2018, avevano costretto un operaio di Sezze a rimettere una querela sporta nei confronti del custode del cimitero.

Gli inquirenti hanno notificato 15 avvisi di garanzia ad altrettante persone poiché ritenute responsabili, a diverso titolo, degli stessi reati.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Adesso basta errori sul virus

Cantano vittoria come se avessero ottenuto chissà cosa, ma l’Italia che comincia a riaprire dal 26 aprile non è un successo delle destre. Con le solite balle a uso elettorale, Salvini & company da ieri stanno ingolfando i social per intestarsi il ritorno alla normalità

Continua »
TV E MEDIA