Sky, i 5 milioni di abbonati sono un ricordo

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Marco Castoro

Il cielo di Sky non è più stellato come qualche anno fa. Dopo una escalation di abbonamenti cominciato nel 2007, l’emittente di Murdoch ha raggiunto uno storico traguardo: 5 milioni di tessere nell’estate del 2011, per poi crescere ancora fino alla fine dell’anno. Ma dal 2012 – sarà la crisi o il fatto che i prezzi dei pacchetti non si sono abbassati – è iniziata la discesa. Alla fine del 2012 gli abbonati persi erano 200 mila e il risultato operativo di Sky Italia si era praticamente dimezzato: da 230 milioni del 2009 ai 104 milioni del dicembre 2012. Ora si punta sulla Formula 1 per recuperare il gap. Tuttavia è il pubblico dei calciofili che Sky Italia ha un po’ trascurato (e deluso) negli ultimi anni. Premesso che la Champions League è un tesoro da conservare gelosamente, che è arrivata anche l’Europa League (dopo un accordo top secret con la rivale Mediaset Premium), va sottolineato il fatto che si siano persi uno dopo l’altro i diritti degli altri campionati esteri. A cominciare dalla Liga di Messi e Cristiano Ronaldo, alla Bundesliga del Bayern Monaco, per finire con la Premier League, il campionato inglese che da sempre ha rappresentato il fiore all’occhiello dell’emittente e del bouquet degli eventi sportivi. Una volta era il calcio era Sky. Si poteva vedere di tutto, dal calcio russo alla serie A, passando per la Germania, l’Inghilterra, la Scozia e la Spagna. In pratica il telespettatore appassionato di calcio non usciva più di casa. C’era di tutto di più. Alle altre restavano le briciole. Con la Rai che conservava i soli diritti della nazionale e della Coppa Italia. Oggi Viale Mazzini ha acquistato il campionato brasiliano, Mediaset gli highlights di Bundesliga e campionato francese (i cui diritti se li tiene stretti Sportitalia, colpita da un’improvvisa fortuna dagli arrivi di testimonial speciali come Ibra, Ancelotti, Pastore e Lavezzi). Sky forse paga una politica troppo esagerata nei costi. A ogni asta per i diritti l’emittente di Murdoch ha sempre sparato alto, falsando il mercato per prendersi tutto il cucuzzaro. La Liga, ad esempio, è diventata un affare per ricchi, viste le offerte. Restando alla fine senza compratori e quindi oscurata in Italia. Basterà la Formula 1 per risollevare la quota abbonamenti?
Dalla parte del cielo (quello abitato dal Biscione) si ride un po’ di più. Gli abbonati Premium sono circa 2 milioni, più quasi altrettante carte prepagate. I ricavi 2012 sono in crescita rispetto al 2011 e l’incasso medio per abbonato registra +12% nel 2012 rispetto al 2011. In aumento gli abbonati: +62.000 nel secondo semestre 2012.

L'editoriale
di Gaetano Pedullà

Gli inganni di Salvini e Renzi

Persa ogni vergogna, i Mattei sono arrivati al punto di venderci la loro cacca per cioccolata, spacciando con inarrivabile faccia tosta le rispettive disavventure giudiziarie per medaglie. Renzi la settimana scorsa ha fatto un discorso “altissimo” in Senato contro le distorsioni della magistratura politicizzata, dimenticandosi

Continua »
TV E MEDIA