Sky War Room 24. Ampiamente vinta la sfida tra le all news. La copertura sull’Ucraina è totale

news guerra in Ucraina
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

La guerra in Ucraina ormai ha monopolizzato qualsiasi spazio televisivo, sui social network, alla radio, ovunque, facendo passare in secondo piano la pandemia. I talk show più importanti si sono attrezzati e hanno saputo fronteggiare la nuova emergenza con rapidità e con trasmissioni di buon livello giornalistico.

Anche i programmi del daytime e della mattina, molti dei quali dirottati sulle tematiche della guerra, hanno dimostrato di attirare un pubblico tradizionalmente meno avvezzo a questo tipo di argomentazioni che però ha saputo apprezzare l’offerta dei grandi network. Rai, La 7 e Mediaset hanno compiuto uno sforzo produttivo notevole, in qualche modo già visto col perdurare della pandemia, ma che ora è molto più complesso perché si tratta di coprire un evento in una situazione di assoluta emergenza lontano dall’Italia.

Una guerra, per di più nel cuore dell’Europa, non è un evento secondario: ricordiamoci che la rete all news Cnn assurse alla fama internazionale proprio grazie alla guerra del Golfo nei primi anni ‘90 e non è un caso che poi le reti generaliste italiane abbiano a loro volta creato dei canali informativi h/24. Veramente consistente da questo punto di vista lo sforzo di SkyTg24, che ha dato la massima copertura al conflitto in Ucraina sin dal primo attacco nella notte fra mercoledì e giovedì scorsi.

Anchor, inviati, corrispondenti, analisti nazionali e internazionali si sono alternati nel commentare ora dopo ora il susseguirsi degli eventi documentati con le immagini più significative. L’all news diretta da Giuseppe De Bellis (nella foto) è in onda da una settimana in modalità monografica avendo cambiato tutto il palinsesto. Il racconto dal campo a Kiev è stato fatto minuto per minuto dagli inviati Jacopo Arbarello e Fabrizio Stoppelli.

Inoltre, il canale ha sfruttato la tecnologia al massimo, aggiornando lo scenario militare sul campo con le ‘action charts’ dal corner della Newsroom. E non ha solo aumentato gli sforzi, ma anche gli ascolti: il 24 febbraio, giorno d’inizio della guerra, ha visto salire i suoi ascolti del 267% (rispetto alla media di un giovedì normale), un dato record di tutta la tv italiana.

Sempre il 24 febbraio, la media è stata di 209.000 spettatori mentre domenica 28 febbraio si è arrivati a 220.000 di media: risultano rispettivamente il 19° e il 13° giorno più visto di sempre, alle spalle dell’inizio della pandemia (marzo 2020) e del terremoto nel Centro Italia del 2016. A livello di fasce orarie, dal 24 febbraio al 2 marzo sono stati registrati valori medi superiori ai 315.000 spettatori tra le 12:30 e le 15 (con picchi di 355.000 presenze) e tra le 19:30 e le 20:30 (con picchi di 318.000 teste).

Inoltre, nelle giornate di giovedì, sabato e domenica della settimana scorsa, sono stati superati più volte i 400.000 con un picco massimo di 516.000 nella giornata di giovedì 24/2 dalle 19:30-20, dovuto alla presenza della conferenza stampa di Biden, che ha mediato 542.000 spettatori e 2,46% share.

Dal 24 febbraio a oggi, la media tenuta da SkyTg24 è di 184.110 spettatori con l’1,72% di share. Un risultato che va a sostenere il già buon inizio di 2022, rafforzato anche dalle elezioni del Quirinale: il mese di gennaio si è chiuso con una media di 69.000 spettatori e lo 0,63% di share, già superiore al totale 2021, che si era chiuso con 62.541 spettatori e lo 0,62% di share.

Dal profilo sociologico fornito da OmnicomMediaGroup, vediamo che la fascia d’età maggiormente affezionata al canale all news di Sky è la giovanissima 20-24 anni, con l’1% di share, superiore alla media dei primi due mesi dell’anno. A livello di titoli di studio, forte penetrazione presso il target laureati, che con l’1,5% ha lo share più alto. Infine, dal punto di vista territoriale, picchi in Valle d’Aosta ed Emilia Romagna, con l’1,4% di share, seguite dal Friuli V. G. (1%); valori più bassi invece in Sicilia (0,3%), Basilicata (0,2%) e Molise (0,2%).