Sofri la prima vittima di Calabresi. L’ex leader di Lotta Continua lascia Repubblica. La collaborazione finisce con la direzione Mauro

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram

di Angelo Costa

Come anticipato da La Notizia, ecco arrivare, puntale come un treno svizzero, il cambio al vertice del quotidiano La Repubblica. Ezio Mauro lascerà la direzione a Mario Calabresi. Lo ha annunciato ieri mattina l’attuale numero uno durante la riunione di redazione. Mauro dirige il giornale dal 1996 e il suo avvicendamento sarà ufficiale  il 14 gennaio 2016, giorno del 40° anniversario del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari. Anche il successoreCalabresi è uscito allo scoperto con un tweet: A Natale dopo 6 anni e mezzo lascerò @la_stampa e un pezzo di cuore: è stata un’avventura bellissima. A gennaio ricomincio a @repubblicait. Ormai è diventata una tradizione che Repubblica scelga il suo direttore dalla Stampa. Andò così anche il 6 maggio del 1996. Calabresi fa la prima vittima, Adriano Sofri, storico collaboratore del giornale diretto da Mauro. Sulla pagina online del Foglio Sofri ha scritto: “Essendo la mia lunga collaborazione a Repubblica un riflesso della mia personale amicizia con Ezio Mauro, naturalmente con la sua direzione finirà pure la collaborazione”. Un gesto doveroso, visto che l’ex leader di Lotta Continua è stato condannato per l’omicidio del commissario Luigi Calabresi, padre di Mario.

GRAZIE ROMA
Per una volta tanto Massimo Giannini e Giovanni Floris, due romanisti doc, hanno tratto beneficio dalla batosta dei giallorossi a Barcellona. Dopo il 3-0 del primo tempo più di un milione e mezzo di telespettatori hanno mollato Canale 5 per sintonizzarsi su altri canali. I due talk hanno recuperato share e hanno raggiunto una media di 6,31% Ballarò e 5,43% diMartedì.

NETFLIX, UN MESE DOPO
Il primo mese omaggio della piattaforma statunitense si avvia alla conclusione. L’impatto con i contenuti può considerarsi positivo. Ottimo il voto per la library dedicata alle serie tv e per i documentari firmati dalla Bbc. Più che buono il giudizio sugli show stand-up-comedy, ma sicuramente non sufficiente il catalogo cinema, ancora carente rispetto ai competitor.

POMERIGGIO ARIA NUOVA
È tornata la serenità nella squadra di Pomeriggio 5. I dati di ascolto stanno migliorando di giorno in giorno e Barbara d’Urso ha ritrovato la verve per riconquistare il primato. La folle mossa di dare lo spazio della Vita in diretta allo Zecchino d’oro ha sicuramente aiutato Pomeriggio 5 a stravincere la sfida. Oltre alla d’Urso sono più sereni anche i vertici di Videonews. Il direttore Brachino si è complimentato con tutti i suoi collaboratori e in particolare con Alex Banfi per gli ottimi risultati che il contenitore ha registrato dal suo arrivo (29 settembre) a oggi. La cura Banfi ha portato un guadagno di 2 punti di share nella fascia di Pomeriggio 5.

COSTANZO REPLICA
Su Rete 4 la replica del Maurizio Costanzo Show, andata in onda martedì in seconda serata, ha ottenuto più share (4,76%) della puntata in prima visione di domenica sera in prime time.